Malattie infiammatorie croniche, da oggi nuovo biosimilare per i pazienti della Campania

717
in foto Andre' Dahinden, presidente e Amministratore delegato Amgen Italia

Anche per i pazienti della Campania con malattie infiammatorie croniche arriva un’altra arma terapeutica: viene infatti lanciato oggi in Europa, e reso disponibile quindi in Italia, il primo biosimilare di Amgen per il trattamento negli adulti di gravi patologie, tra le quali artrite reumatoide da moderata a severa, artrite psoriasica, spondilite anchilosante attiva grave e malattia di Crohn e colite ulcerosa, sempre nelle forme da moderata a severa. Si tratta del primo biosimilare di adalimumab a ricevere l’approvazione dalla Commissione Europea. Il farmaco è anche autorizzato per il trattamento di malattie infiammatorie nei bambini, come malattia di Crohn da moderata a severa (dai 6 anni in poi), psoriasi a placche severa (dai 4 anni in poi), artrite associata a entesite (dai 6 anni in poi) e artrite idiopatica giovanile poliarticolare (dai 2 anni in poi). “Il modo migliore per comunicare con i pazienti- spiega Gabriella Fabbrocini, professore ordinario di Dermatologia e Venereologia, Università degli Studi Federico II di Napoli- è spiegare loro che i biosimilari non sono l’equivalente dei farmaci generici comunemente utilizzati, ma che sono sottoposti ad una serie di controlli molto rigorosi per garantirne efficacia e sicurezza. Per la loro commercializzazione sono necessari grandi quantita’ di dati, tra cui quelli sulla purezza, sulla produzione e sull’efficacia oltre a un confronto approfondito con il medicinale di riferimento”. La biosimilarita’ con adalimumab e’ stata comprovata sulla base di dati analitici, farmacocinetici e clinici, compresi i risultati di due studi di Fase III in pazienti con psoriasi a placche da moderata a severa e con artrite reumatoide da moderata a severa. Amgen ha un totale di 10 biosimilari nel proprio portfolio, dei quali 3 sono stati approvati dalla Commissione Europea. Il farmaco viene reso disponibile in 28 Paesi dell’Ue e in Norvegia, Islanda e Liechtenstein, membri dello Spazio Economico Europeo. “Si tratta – evidenzia Andre’ Dahinden, Presidente e Amministratore Delegato Amgen Italia- del secondo biosimilare Amgen disponibile nel nostro Paese a conferma dell’impegno nei confronti di pazienti, clinici e sistemi sanitari che coniuga innovazione e sostenibilità”.