Maltempo, non c’è pace

32

Roma, 19 mag. (AdnKronos) – Maltempo, non c’è pace sull’Italia. Mentre l’Europa è assediata da due vortici depressionari – uno sulle isole britanniche, l’altro sulla Russia – sembra ancora una volta che la primavera non riesca proprio a sbocciare.

Dopo un’effimera tregua nel fine settimana, infatti, già da domenica sera il nostro Paese vedrà nuovamente l’arrivo di nuvole e temporali a partire da Piemonte e Lombardia. E sarà solo l’antipasto, in attesa di un nuovo più profondo mutamento e guasto del tempo, fanno sapere gli esperti del sito ‘ilMeteo.it’.

LUNEDÌ – Dal 21 “un’ennesima perturbazione atlantica, pilotata da quelle correnti umide atlantiche in seno ai due vortici depressionari, investirà il Centro-Nord, alimentata e sospinta da masse d’aria di Ponente piuttosto fresche e preceduta come di consueto da venti sciroccali temporaneamente miti: poche le regioni risparmiate”.

I temporali dalla Sardegna attraverseranno il Tirreno e punteranno a Toscana, Umbria, Lazio per risalire poi verso Emilia Romagna e Nordest mentre, contemporaneamente, altre piogge dalla Liguria si estenderanno a Piemonte e Liguria. Inoltre, rovesci e neve a 2.000 metri interesseranno tutto l’arco alpino.

MARTEDÌ – E ancora, dal 22, un’altra perturbazione e poi un’altra ancora. Martedì si assisterà infatti ad un peggioramento dei fenomeni perturbati al Nord-ovest, poi verso il Nord-est, sospinti da forti venti di Libeccio. Temporali su gran parte delle Regioni settentrionali interesseranno Milano, Genova, Verona, Padova, Vicenza.

Non verrà risparmiata la riviera romagnola con piogge anche sulla Toscana e lungo le regioni adriatiche. Nel corso della sera, possibilità di acquazzoni sulla Campania, fino a Napoli e Caserta, sul Gargano e sulla Basilicata.

DA MERCOLEDÌ – A partire da metà settimana, infine, tutti i giorni seguenti saranno caratterizzati da tempo instabile con apice fino a venerdì 25, mentre successivamente – e finalmente – dovrebbe espandersi l’anticiclone africano Scipione.