Maltempo: studente schiacciato da un albero, polemiche a Napoli

52
in foto Severino Nappi

Voli dirottati, collegamenti con le isole interrotti, strade chiuse e, soprattutto, alberi che si abbattevano al suolo, cornicioni e pali della luce che si schiantavano sui marciapiedi, tralicci e insegne che volavano un po’ dovunque creando il panico tra i numerosi turisti del centro. E infine il morto. Un giovane di 21 anni, studente originario di San Nicola La Strada, investito – in via Claudio a Fuorigrotta – da un pino sradicato dal vento. Soccorso dal 118, è arrivato all’ospedale San Paolo in condizioni già compromesse e a nulla sono valsi i tentativi dei medici di salvargli la vita.

Quello di cui è stato vittima il giovane originario di Caserta è stato l’incidente più grave in una giornata segnata, fin dalla mattina, da eventi straordinari. E fatalmente dalle polemiche. “La tragedia del 21enne schiacciato da un albero è un evento drammatico su cui de Magistris ha gravissime e imperdonabili responsabilità – ha denunciato il Vice Coordinatore della Campania di Forza Italia Severino Nappi – la manutenzione degli alberi e del verde cittadino è una questione di assoluta priorità, soprattutto per l’incolumità dei cittadini. Ma il nostro allarme è rimasto inascoltato e le conseguenze sono state nefaste: il primo cittadino non si azzardi a dare la colpa al maltempo, perché le Amministrazioni hanno il dovere di prevenire catastrofi e ridurre al minimo i danni. Si passi una mano sulla coscienza”. Intanto da Palazzo San Giacomo fanno sapere che da ieri sera è attivo un tavolo di coordinamento, convocato dal Sindaco e presieduto dall’Assessore alla protezione civile Alessandra Clemente. “Sono state impegnate a servizio delle delicate attività di pronto intervento e protezione civile – si legge nella nota del comune di Napoli – nonostante la vigenza del codice giallo, livello ordinario di criticità, promulgato dalla sala di controllo della protezione civile regionale, le squadre di protezione civile cittadina, tutti i PIS “Pronto Interventi Stradali” delle municipalità, personale delle squadre Asia, 100 agenti di polizia locale, gli automezzi tecnici dell’autoparco comunale, il personale del servizio verde della città”. Un allarme quello del crollo degli alberi lanciato da tempo dal consigliere regionale dei Verdi, Francesco Borrelli: “Purtroppo verso gli alberi che ci sono nelle città c’è sempre meno attenzione e chiunque si arroga il diritto di distruggerli o danneggiarli come abbiamo denunciato in più occasioni” ha aggiunto Borrelli ricordando “le tante segnalazioni di parcheggiatori abusivi e incivili che, per creare più posti auto, hanno sradicato alberi dai marciapiedi”.