Manuel, due giovani confessano “Abbiamo sparato per errore”

27
In foto

Roma, 6 feb. (AdnKronos) – Si sono presentati in questura a Roma accompagnati dai loro avvocati due ragazzi di 24 e 25 anni di Acilia sotto interrogatorio negli uffici della Squadra Mobile di Roma per il ferimento di , il giovane nuotatore raggiunto da un colpo di pistola in piazza Eschilo, all’Axa, la notte tra sabato e domenica scorsi. I due avrebbero detto di “aver sparato per errore”. Lo scooter trovato bruciato oggi a Villaggio San Giorgio apparterrebbe a uno dei due giovani. Nei pressi del pub di piazza Eschilo è stata trovata una pistola.

”Gli abbiamo detto che non potrà più camminare – ha detto Franco Bortuzzo, il padre di Manuel, in un video pubblicato dal ‘Corriere.tv’ -, ma anche che lo porteremo in un centro specializzato che gli darà ottime possibilità di migliorare la sua vita. E’ forte e quindi ce la farà sicuramente”. Manuel, ha aggiunto il papà al ‘Corriere.tv’, “mi ha detto: ‘mi sento mancare la parte di sotto’, lui è consapevole della sua situazione, non avrà bisogno di psicologi perché è una persona forte e penso che troverà da solo la forza per superare quanto gli è successo. Non ha pianto – ha continuato commosso – io mi aspettavo una reazione diversa quindi vuol dire che sa che ce la faremo”. “Domani scioglieranno la prognosi, in meno di due giorni beve e mangia da solo – ha raccontato ancora il padre di Manuel – Noi non smettiamo mai di sperare e nemmeno lui. La polizia sta facendo il suo lavoro in maniera esemplare, è stata ritrovata la pistola, quando starà meglio saranno le forze dell’ordine a chiedergli cosa è successo, se si ricorda, per ora sono felice che sia vivo”.