“Marebonus”, incentivi per 173,4 mln: le domande dall’8 gennaio

103

C’è tempo fino al 29 gennaio per presentare domanda di agevolazione per servizi marittimi destinati al trasporto combinato di merci. Si tratta della Misura “Marebonus”, istituita dalla legge di Stabilità 2016 e destinata all’attuazione di progetti per migliorare la catena intermodale e decongestionare la rete viaria attraverso l’istituzione, l’avvio e la realizzazione di nuovi servizi marittimi per il trasporto combinato delle merci o il miglioramento dei servizi su rotte esistenti.

Risorse e beneficiari
Le risorse complessive ammontano a 173,4 milioni di euro. Possono beneficiare dei contributi le imprese operanti in Italia, costituite anche in forma consorziata, cooperativa o attraverso slot agreement, aventi sede legale in uno degli Stati membri dell’Unione europea o dello Spazio economico europeo e attive nel settore “Trasporto marittimo e costiero di merci”. Il soggetto gestore dell’intervento è Rete Autostrade Mediterranee – Ram Spa.

Progetti ammissibili
L’incentivo è previsto nei confronti delle imprese armatrici che presentino progetti triennali per la realizzazione di nuovi servizi marittimi Ro-Ro (trasporto con modalità di imbarco e sbarco di veicoli gommati e di carichi, disposti su pianali o in contenitori, caricati e scaricati per mezzo di veicoli dotati di ruote in modo autonomo e senza ausilio di mezzi meccanici esterni) e Ro-Pax (trasporto combinato di mezzi pesanti e per le automobili al seguito dei passeggeri) a mezzo di navi iscritte nei registri e battenti bandiera di uno degli Stati membri Ue o dello Spazio economico europeo, per il trasporto multimodale delle merci o il miglioramento dei medesimi servizi su rotte esistenti, in arrivo e in partenza da porti italiani, che collegano porti situati in Italia o in un Paese dell’UE o dello Spazio economico europeo, al fine di sostenere il miglioramento della catena intermodale e il decongestionamento della rete viaria.

Scadenza
Le domande devono pervenire entro il 29 gennaio 2018 tramite raccomandata con ricevuta di ritorno o consegna a mano presso la Direzione generale per il trasporto stradale e per l’intermodalità del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Mit). In alternativa le domande possono essere trasmesse via Pec all’indirizzo di posta elettronica: incentivi.trasportointermodale@pec.mit.gov.it.