**Mattarella: arbitro imparziale per salvaguardare e non incrinare facoltà Capo Stato** (3)

13

(Adnkronos) – E in questo caso l’arbitro ha sentito l’esigenza di invitare i giocatori ad un ripasso del regolamento: “Quando mi arriva qualche provvedimento, una legge del Parlamento o un decreto del Governo, io, anche se non lo condivido appieno, ho il dovere di firmarlo, anche se la penso diversamente. Devo accantonare le mie convinzioni personali perché devo rispettare quello che dice la Costituzione: che la scelta delle leggi spetta al Parlamento e la scelta dei decreti che guidano l’amministrazione dello Stato spetta al Governo. E se non firmassi andrei contro la Costituzione”.