Maturità, prima prova: Ungaretti, Sciascia e Stajano

21

Roma, 19 giu. (AdnKronos) – Al via, con la prova di Italiano, gli per oltre 500.000 studenti. Ungaretti, Sciascia, Montanari, Stajano, un testo del prefetto Luigi Diana sul generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, e Gino Bartali sono gli argomenti delle tracce resi noti da ScuolaZoo. Più precisamente: A1: Ungaretti, ‘Il Porto sepolto’ dalla raccolta l”Allegria’ del 1942. A2: Sciascia, ‘Il giorno della civetta’. B1: Testo da Tomaso Montanari, ‘Istruzioni per l’uso del futuro. Il patrimonio culturale e la democrazia che verrà’. B2: Steven Sloman e Philip Fernbach, ‘L’illusione della conoscenza’ (edizione italiana di Paolo Legrenzi). B3: Corrado Stajano, ‘L’eredità del Novecento’. C1: Testo del prefetto Luigi Diana in occasione delle celebrazioni del trentennale dell’uccisione del prefetto Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, della moglie Emanuela Setti Carraro e dell’agente Domenico Russo. C2: Tra sport e storia articolo di Cristiano Gatti pubblicato su Il Giornale, che parla della vittoria al Tour de France di Gino Bartali nel 1948, avvenuta in un momento di forte tensione dopo l’attentato a Togliatti.

LE REAZIONI – “non solo per i ragazzi, ma per tutti” ha detto all’Adnkronos Rita Dalla Chiesa. “E’ orgoglio puro – ha aggiunto – ed è un bel segnale anche per tutto il lavoro che stanno facendo gli insegnanti nelle scuole, in particolare in Sicilia, su mio padre e il suo lavoro. Oggi i ragazzi sanno chi è, ne parlano a scuola e in famiglia: è un pezzo di storia d’Italia, è il mio cuore. Ribadisco, sono veramente orgogliosa di questa scelta”. “Non vedo l’ora di dirlo al mio nipotino di 11 anni che sa tutto – ha concluso – sono veramente felice, è davvero un bel segnale per i ragazzi”.

Lisa Bartali, nipote del campione di ciclismo, figlia di Luigi, ha commentato su Facebook: “Non c’erano dubbi che il nonno fosse entrato già da un bel pezzo nella Storia italiana, ma che sia argomento scolastico di questo rilievo è una notizia eccezionale. In bocca al lupo agli studenti che scriveranno su nonno Gino Giusto tra le Nazioni!”. “Una bella sveglia stamani con i vostri meravigliosi messaggi e gli applausi in diretta telefonica dei ragazzi dell’oratorio G.Bartali di Roma entusiasti della notizia!”, ha aggiunto Lisa.

Francesco Moser ha commentato all’Adnkronos: “Bartali è parte della storia recente di questo Paese. E’ importante questa traccia di maturità perché a quei tempi il ciclismo era il primo sport in Italia. L’ho conosciuto fin da quando ero piccolissimo. Facevamo il Giro d’Italia insieme. E’ stato il direttore sportivo dei miei figli alla San Pellegrino. Mi ricordo che lo sgridavo perché a più di 80 anni guidava la macchina: è stato un campione”.

“Finalmente. Riempie di orgoglio tutto il mondo ciclistico a livello internazionale. Nel dopoguerra Bartali ha risollevato il risorgimento italiano” il commento all’Adnkronos di Renato di Rocco, presidente di Federciclismo e vice presidente della Federazione mondiale ciclismo. “Si tratta di un atto di grande attenzione verso una disciplina che ha segnato la rinascita del Paese – ha aggiunto – e che svolge ancora un ruolo molto importante sul territorio”. “Bartali si è sempre distinto nel gruppo per il suo essere cattolico, una persona rigorosa con un grande rispetto per la famiglia – ha ricordato Di Rocco – ha fatto la differenza con tutte le buone azioni da lui realizzate in un periodo di grandi difficoltà prendendosi anche tanti rischi. Azioni che hanno sicuramente segnato l’uomo Bartali. Se poi la comunità didattica lo ha scelto significa sicuramente che può essere di insegnamento con il suo comportamento e questo può essere utile ai giovani, alla società e alla nostra Repubblica”.

L’Esame di Maturità, fanno sapere fonti del Miur, “è stato avviato in modo ordinato e tutto procede tranquillamente”. Le commissioni d’Esame coinvolte quest’anno sono 13.161 per 26.188 classi. I candidati iscritti alla Maturità sono 520.263, di cui 502.607 interni e 17.656 esterni. Secondo le prime rilevazioni del Miur, il tasso di ammissione all’Esame è del 96,3%. La seconda prova è in calendario domani, sempre dalle 8.30. Nei giorni delle prove scritte, è confermato il divieto tassativo per i candidati di utilizzare cellulari, smartphone, pc e qualsiasi altra apparecchiatura elettronica in grado di accedere alla rete o riprodurre file e immagini, pena l’esclusione dall’Esame.

“Ci siamo! Noi del Miur Social vogliamo fare un in bocca al lupo a tutti i maturandi che oggi svolgeranno la prima prova scritta”. Così sui suoi profili social il ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Un incoraggiamento è arrivato su Facebook dallo stesso ministro, Marco Bussetti: “Cari ragazzi, è arrivato il momento. Forza! Sono certo farete del vostro meglio! Buon lavoro a tutti e ricordatevi ‘La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l’opportunità'”.