Medici, manifestazione a Napoli per la #buonasanità

58
Medici in piazza domani, sabato 20 febbraio, a Napoli per la ‘Vertenza Salute Sud’ mentre, in vista dello sciopero del 17 e 18 marzo, mettono nero su bianco i punti della Manifesto per la #buonasanità. “Saremo a Napoli perché il Sud è luogo esemplare dello stato di decadenza della sanità pubblica che denunciamo“. Così Costantino Troise, segretario di Anaao Assomed, sindacato della dirigenza medica, all’indomani dell’incontro con il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, le cui rassicurazioni non sono bastate a revocare l’ipotesi dello sciopero. “La scelta di manifestare nel Meridione è emblematica – spiega Troise – perché è quello che potrebbe diventare il resto del Paese se non si arresta la decadenza della sanità pubblica. Riassume in sé tutti i principali elementi di criticità: carenza personale, turni di lavoro massacranti, liste d’attesa lunghissime e indicatori di salute negativi“. 
La protesta vedrà presenti, dalle ore 10.30 presso il Molo Beverello, delegazioni delle principali organizzazioni sindacali in rappresentanza dei medici, dipendenti e convenzionati, liberi professionisti e specialisti ambulatoriali, pediatri, veterinari, dirigenti sanitari. Intanto sui social media parte la campagna per chiamare a raccolta i camici bianchi di tutta Italia intorno al Manifesto della #buonasanità, che chiede esplicitamente “la valorizzazione del lavoro di chi quotidianamente garantisce la tutela della salute a milioni di cittadini“. Un paese che cambia, sottolinea Troise, “ha bisogno di una sanità che cambia, ma chiediamo di essere soggetti attivi di questo cambiamento“.