Medici Napoli, monito alla politica: La sanità sia priorità nei programmi elettorali

86

“Dai programmi elettorali e dalle dichiarazioni degli esponenti dei vari partiti è evidente che la sanità non è all’ordine del giorno tra i temi ‘caldi’. Gli ‘eroi’ del covid sono già stati scaricati in favore di questioni che al momento arrivano più facilmente alla pancia dei cittadini. Eppure, oggi come ieri, donne e uomini in camice bianco continuano ad essere in prima linea per garantire il rispetto dei Lea nonostante le enormi carenze”. Lo dice il presidente dell’Ordine dei medici di Napoli e provincia, Bruno Zuccarelli, che aggiunge: “Le continue aggressioni, le chiusure dei pronto soccorso nei quali non si riesce più a reclutare personale, le carenze d’organico negli ospedali, nel servizio 118, nella medicina territoriale e in ogni altro ambito dell’assistenza sanitaria dovrebbero spingerci a una riflessione e, soprattutto, ad agire in fretta. Invece, sembra che la politica abbia già dimenticato i giorni più bui della pandemia, quando da ogni parte si prometteva ‘mai più in queste condizioni'”.

Da qui l’auspicio del leader dei camici bianchi napoletani affinché “la sanità entri presto nei programmi dei partiti politici e dei movimenti che si confronteranno il prossimo 25 settembre perché la salute non può essere messa in secondo piano da questioni di carattere economico o da polemiche”.

Zuccarelli si dice “fiducioso che molto presto i partiti mostreranno una maggiore sensibilità nei confronti dell’intera categoria” e in vista del ferragosto rivolge ai colleghi medici il.proprio ringraziamento “per non tirarsi mai indietro e per essere sempre pronti ad onorare il giuramento prestato”.