Mediobanca e l’apertura dell’Italia alla finanza commerciale: presentazione online del libro di Giovanni Farese

92
in foto Giovanni Farese

Si terrà online, giovedì 21 gennaio alle ore 17,30, la presentazione dell’ultimo libro di Giovanni Farese – professore associato di Storia dell’economia nell’Università Europea di Roma -, intitolato “Mediobanca e le relazioni economiche internazionali dell’Italia. Atlantismo, integrazione europea e sviluppo dell’Africa, 1944-1971”, edito dall’Archivio Storico Mediobanca “Vincenzo Maranghi”. Nel corso dell’evento interverranno Sabino Cassese, giudice emerito della Corte Costituzionale, Valerio Castronovo, già ordinario di Storia contemporanea nell’Università di Torino, Giorgio La Malfa, Direttore scientifico dell’Archivio di Mediobanca, l’Ambasciatore Sergio Romano, storico e saggista.
All’evento, che sarà moderato dal vicedirettore del Corriere della Sera Federico Fubini, sarà presente l’autore. Frutto di un’ampia ricerca condotta in numerosi archivi in Italia e all’estero, il volume del professor Farese ricostruisce la nascita e lo sviluppo di Mediobanca, la più importante banca d’affari italiana, fondata a Milano nel 1946, e, con esso, l’apertura dell’Italia al commercio e alla finanza internazionale nel secondo dopoguerra. Tre i filoni principali della ricerca: l’internazionalizzazione del capitale della Banca, la proiezione internazionale delle sue attività e iniziative, i rapporti del management con l’élite economica e finanziaria internazionale. Ne viene fuori un affresco ricchissimo che intreccia decolonizzazione, guerra fredda e sviluppo post-bellico.
Accanto e insieme alla ricostruzione storiografica, il volume fa emergere nodi e temi di grande attualità e rilevanza: il posto e il ruolo dell’Italia in Europa; i rapporti tra Italia, Europa e paesi africani; la qualità della classe dirigente. “La storia di Mediobanca – scrive Giovanni Farese – illustra bene l’importanza di disporre di classi dirigenti credibili sul piano internazionale, capaci di coltivare un approccio di lungo termine in grado di collegare paesi e persone, banche e imprese, istituzioni nazionali e istituzioni internazionali nel tentativo di sorreggere e sospingere gli elementi di tenuta e sviluppo di quel sistema aperto di relazioni internazionali di cui l’Italia ha bisogno vitale, senza cedimenti sul piano dei valori, democratici e liberali, della sua storia”.
È possibile partecipare alla presentazione del libro accreditandosi al link Mediobanca (makeitlive.it): sarà sufficiente inserire i propri dati nella schermata di registrazione e la password: archivio21.