Menarini, per la prima volta timone a un manager non della famiglia

93
in foto Eric Cornut, presidente del gruppo Menarini

Svolta nella storia del gruppo Menarini, principale azienda farmaceutica italiana: per la prima volta dalla fondazione della società, avvenuta nel 1886 partendo da una farmacia di Napoli, non ci sarà piu’ un membro della famiglia ai vertici: Lucia Aleotti lascia la presidenza per restare semplicemente consigliere d’amministrazione. Il fratello Giovanni Alberto mantiene la carica di vice presidente, ma le deleghe operative passano a un manager esterno: Eric Cornut, svizzero, classe 1957, trent’anni in Novartis dove aveva scalato tutte le tappe fino a diventare responsabile delle attivita’ commerciali della multinazionale nel mondo. Cornut che era entrato nel Cda della Menarini a giugno dell’anno scorso come membro indipendente, prendera’ il posto di vertice a partire dall’1 giugno. Il capitale resta saldamente in mano alla famiglia che ha precisato come il passaggio del testimone alla presidenza non debba far pensare a un passo indietro. “Non ci sono agende segrete” ha precisato Lucia Aleotti nel corso di un conferenza stampa. Soprattutto nessun disimpegno ne’ progetti di vendita. “Al contrario. Potremo dedicare piu’ tempo e piu’ energie alla ricerca di possibili acquisizioni strategiche, unendo la dinamicita’ e i valori di un’azienda familiare all’esperienza del futuro presidente”, aggiunge Giovanni Alberto.