Meno Co2 con il carpooling aziendale

15

Roma, 20 apr. – (AdnKronos) – Con il carpooling aziendale ogni lavoratore risparmia oltre 1.500 kg di CO2 l’anno. A rivelarlo, in occasione dell’Earth Day che si celebra il 22 aprile, è Jojob, il maggior player italiano di carpooling aziendale, che per conoscere meglio abitudini e preferenze di chi ogni giorno condivide l’auto per raggiungere il posto di lavoro, ha lanciato un sondaggio tra i dipendenti delle oltre 1.700 aziende che in Italia utilizzano il servizio.

Una pratica, quella del carpooling aziendale, che si è evoluta negli ultimi anni proprio grazie allo sviluppo della tecnologia e soprattutto degli smartphone: oltre il 50% dei 140.000 lavoratori che scelgono di viaggiare in carpooling ammette infatti di aver iniziato a condividere l’auto per i tragitti casa-lavoro grazie all’app di Jojob, mentre il 30% ha sfruttato il servizio per certificare i propri spostamenti; infine il restante 20% assicura che, pur conoscendo e facendo già carpooling, ha trovato tramite app nuovi compagni di viaggio.

Quasi la metà dei dipendenti afferma di fare carpooling per 5 giorni alla settimana: generalmente, a viaggiare a bordo della stessa auto sono mediamente 2,31 persone a tratta che percorrono insieme una tratta media di 27,7 km a viaggio. Ciascun carpooler in questo modo può certificare un risparmio ambientale di 1.584 kg di CO2 ogni anno, equivalenti alla CO2 assorbita da 79 alberi.

A spingere sempre più lavoratori a scegliere il carpooling sarebbe il risparmio economico (60%), che nei casi più virtuosi può superare i 1.800 euro/anno; a questi si aggiungono gli utenti che guardano soprattutto alla comodità rispetto ad altri mezzi (20%) o coloro che amano le chiacchiere tra colleghi e lo spirito di condivisione (20%).

Per quanto riguarda i compagni di viaggio, oltre il 90% degli intervistati dichiara di spostarsi generalmente con le stesse persone per l’andata e il ritorno, mentre il restante 10% utilizza l’app di Jojob per cercare passaggi occasionali per esempio in occasione di scioperi o imprevisti di altro tipo. Nella quasi totalità dei casi (70%) si usa l’automobile per fare carpooling in modo alternato, mentre il restante 30% sceglie sempre la stessa auto.

Guardando al portafoglio e al risparmio economico generato dalla condivisione dell’auto, i carpooler ammettono di non suddividere le spese nel 70% dei casi, ma di alternare l’uso dell’auto con cui viaggiare. Il 20% dei dipendenti invece non si preoccupa dei costi e fa viaggiare i passeggeri gratis, mentre infine il restante 10% sceglie di suddividerli tra i componenti dell’equipaggio.

Per quantificare il rimborso, gli utenti utilizzano le nuove funzioni del Conto J di Jojob che permettono di avere a portata di app l’esatta suddivisione delle spese: oltre il 40% degli intervistati ha stabilito un contributo forfettario per ogni singolo viaggio, il 30% mensile e il 30% settimanale.

“Tra gli aspetti più interessanti che emergono c’è il fatto che il 40% dei carpooler è disposto ad avere una flessibilità anche di 30 minuti per aspettare uno o più colleghi con cui condividere il viaggio in automobile: questo dimostra che è possibile fare carpooling anche quando gli orari di lavoro non coincidono perfettamente, superando così uno dei pregiudizi che abitualmente riscontriamo nei neofiti”, spiega Gerard Albertengo, Ceo e Founder di Jojob.

“In più, le aziende sono sempre più stimolate ad investire in soluzioni di mobilità che puntino alla sostenibilità ambientale. Anche per questo motivo Jojob ha lanciato la nuova funzione Bici e Piedi che permette agli utenti di certificare i tragitti casa-lavoro percorsi in bicicletta o a piedi: ogni viaggio percorso con queste modalità arriva a generare un risparmio in termini di Co2 pari a 130 g/km e un risparmio economico di 0,20euro/km”.