Meridiana diventa Air Italy e progetta nuovi investimenti su Napoli

170

“Quando si introducono 50 aerei si creano più di 1.500 dipendenti, saremo dei datori di lavoro importanti” anche se “non possiamo dare una tempistica” sulle assunzioni, ha detto Akbar Al Baker. Che, in merito ai 400 esuberi che hanno colpito nel 2016 il personale della compagnia, prima dell’ingresso nel capitale della compagnia qatariota, ha detto: “chiaramente i nuovi investitori vogliono essere ben snelli, operiamo in modo economico e con finalità economiche”. Air Italy offrirà ai suoi passeggeri “aerei moderni in linea con più grandi standard internazionali a prezzi ragionevoli e competitivi”, ha aggiunto il presidente di Meridiana Francesco Violante. Per raggiungere questo obiettivo “serviranno persone orientate al servizio e preparate e crescendo serviranno anche più persone”.
“Il futuro sarà bellissimo, c’è molto entusiasmo anche se ci sono aspetti difficili perché nel settore c’è grande concorrenza” ha detto Akbar Al Baker, assicurando che Air Italy “porterà valore a tutti e riderifinirà l’esperienza dei passeggeri” ispirandosi all’alto livello di servizio e “alla qualità” di QatarAirwais. “Ci sarà un rilancio sul mercato europeo e puntiamo a essere la ‘top airline’ per Italia, elegante, sofisticata, internazionale e innovativa. Saremo fonte di orgoglio per gli italiani nel mondo” ha aggiunto il group ceo della compagnia qatariota, ribadendo l’obiettivo di diventare il primo vettore in Italia. Air Italy punta a 10 milioni di passeggeri entro il 2022 mentre la flotta crescerà a 50 aeromobili entro il 2020. Nei prossimi tre anni arriveranno 20 nuovi Boeing 737 MAX 8 (il primo è atteso per aprile). Dalla prossima primavera, inoltre, cinque Airbus A330-200 di Qatar Airways entreranno nella flotta di Air Italy e verranno in seguito sostituiti, a partire da maggio 2019, da Boeing 787-8 Dreamliner. I nuovi aerei saranno a servizio di un network in espansione, grazie a destinazioni che andranno ad affiancare le rotte di lungo-raggio da Milano Malpensa a New York e Miami, che partiranno da giugno e saranno precedute dalle nuove rotte domestiche, operate in connessione con i voli intercontinentali da Milano Malpensa, in partenza da Roma, Napoli, Palermo, Catania e Lamezia Terme, a partire dall’1 maggio. Da settembre, inoltre, partirà il collegamento Milano – Bangkok, con quattro voli a settimana. Tre ulteriori collegamenti di lungo raggio verranno annunciati entro la fine dell’anno. Il piano strategico include, inoltre, il rafforzamento dei voli di corto-raggio, con l’obiettivo di incrementare in particolare la parte relativa alle connessioni, e il raggiungimento entro il 2022 di 50 destinazioni servite. Nel 2019, inoltre, verrà lanciata la prima rotta di lungo raggio della nuova compagnia Air Italy in partenza da Roma. Qatar Airways detiene il 49% di Aqa Holding azionista di controllo di Air Italy. Il restante 51% è nelle mani di Alisarda, controllata dall’Aga Khan attraverso la holding Akfed.