Messina, maxi blitz antimafia: 40 arresti

13

Palermo, 24 gen. (AdnKronos) – Maxi blitz in provincia di Messina. I carabinieri del Comando di Provinciale del capoluogo siciliano, del Ros e della Polizia stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip presso il Tribunale di Messina, su richiesta della locale Procura Distrettuale della Repubblica, nei confronti di 40 persone gravemente indiziate. Sono accusate a vario titolo dei delitti di associazione di tipo mafioso e di numerosissimi reati, quali estorsione (consumata e tentata), rapina, trasferimento fraudolento di valori, reati in materia di armi e violenza privata reati aggravati dal metodo mafioso per aver fatto parte dell’associazione mafiosa denominata “famiglia barcellonese” riconducibile a Cosa Nostra e operante prevalentemente sul versante tirrenico della provincia di Messina.

Dalle indagini è emerso che “per affermare il controllo criminale nell’area di riferimento”, spiegano gli investigatori, i boss del messinese non hanno esitato ad usare violenza “nei confronti dei pochi che osavano rompere il diffuso muro di omertà” relativo “alla sistematica attività estorsiva nei confronti dei locali imprenditori”. “Il sodalizio criminale, avvalendosi della forza intimidatrice promanante dal vincolo associativo e dalla condizione assoluta di assoggettamento ed omertà che ne derivava sul territorio – dicono gli investigatori – programmava e commetteva delitti della più̀ diversa natura, contro la persona, il patrimonio, la pubblica amministrazione, l’ordine pubblico ed altro” con l’obiettivo “di acquisire in forma diretta ed indiretta la gestione ed il controllo di attività̀ economiche, di appalti pubblici, di profitti e vantaggi ingiusti per l’associazione”. Inoltre, per raggiungere questi fini il sodalizio si sarebbe avvalso “di un consistente arsenale di armi micidiali, necessarie al clan mafioso”.