Messina: sequestro viadotto su A20, gip ‘da Cas colpevole inerzia e disinteresse’

21

Palermo, 20 mag. (Adnkronos) – Nella vicenda del viadotto Buzza sull’autostrada A20 Messina-Catania il Consorzio per le autostrade siciliane (Cas) ha manifestato una “colpevole inerzia”. A dirlo è il gip di Patti nel decreto con cui ha disposto il sequestro della carreggiata con direzione Messina – Palermo, compresa tra il km 119+620 e il km 120+840, dell’opera. L’organo di vigilanza del ministero delle Infrastrutture e Trasporti, infatti, aveva già intimato al Cas di provvedere al monitoraggio immediato delle condizioni del viadotto, alla relativa manutenzione e, nelle more, all’interdizione al traffico veicolare. “Dalle indagini risulta come il Cas, invece, nel corso di oltre un anno e mezzo – spiega il procuratore di Patti, Angelo Vittorio Cavallo -, si sia limitato esclusivamente a interdire al traffico il viadotto, interrompendo anzitempo, e del tutto arbitrariamente, a partire dall’aprile 2019 fino ad oggi, l’azione di monitoraggio che pure era stata inizialmente intrapresa. Il Cas, inoltre, nel periodo in esame, non ha adempiuto all’avvio di qualsiasi opera di manutenzione o di verifica preliminare necessaria”.