Metropolitana di Napoli, tavolo tecnico con il Comune: Carbone fa il punto sulle opere in corso

60

A una settimana dall’insediamento del nuovo presidente di MN – Metropolitana di Napoli Spa, Paolo Carbone, si è aperto stamane un Tavolo tecnico di confronto con l’amministrazione comunale per trovare soluzioni alle tante questioni in sospeso, sia con riferimento allo sviluppo dei lavori, che per le vicende legate ai dissesti nel cimitero di Poggioreale.
Il tavolo è stato sollecitato con forza dal nuovo presidente con l’obiettivo di dare un nuovo impulso positivo ai rapporti tra concedente e concessionario e risolvere i temi su cui non c’è pieno allineamento, al fine di migliorare – nel più breve tempo possibile – l’impatto delle opere sulla vivibilità dei cittadini.
“Abbiamo subito voluto questo confronto, che è stato cordiale e molto fattivo, per programmare adeguatamente un percorso che crei quella corretta sintonia tra l’amministrazione comunale e Metropolitana di Napoli. Il comune sentire con cui sono stati affrontati i temi fa ritenere che si possa trovare nell’immediato la maggior parte delle soluzioni. A tale scopo si è deciso di definire un fitto programma di incontri per continuare ad offrire ai cittadini servizi belli artisticamente ed efficienti”, ha dichiarato Paolo Carbone, presidente di MN dopo l’incontro con l’assessore alla Mobilità del Comune di Napoli Eduardo Cosenza che si è svolto a Palazzo San Giacomo insieme al direttore generale di MN Fabio Giannelli e al RUP (responsabile unico del procedimento) del Comune di Napoli Serena Riccio.
Tra i temi dell’incontro si è affrontata anche la vicenda del Cimitero di Poggioreale per cui Metropolitana ha ribadito la massima disponibilità a svolgere tutte le attività di supporto nell’ambito delle proprie competenze tecniche e contrattuali al fine di intervenire il più tempestivamente possibile. A tal proposito gli incontri sono proseguiti operativamente tra le parti tecniche, alla presenza dei vigili del fuoco, per definire un crono programma di interventi.