Mezzogiorno, imprese e formazione: intervista a Lucio Iaccarino, autore del libro “Formo al Sud”

186
In foto Lucio Iaccarino

Consulente strategico per conto di diverse società e professionisti, Lucio Iaccarino conduce da molti anni ricerche che hanno per oggetto l’organizzazione aziendale, gli strumenti e i modelli di sviluppo imprenditoriale. Nel suo ultimo libro, “Formo al Sud – Etnografia di un’azienda meridionale”, Iaccarino non si limita a raccontare la storia del gruppo Formamentis, “ente di formazione ed agenzia per il lavoro di Battipaglia “che, in poco meno di un decennio, ha conosciuto uno sviluppo straordinario, accrescendo i propri servizi ed ampliando la propria rete territoriale che oggi vanta oltre 200 dipendenti”, ma analizza, con gli strumenti della ricerca sociologica, l’impresa.

Dottor Iaccarino, che tipo di risultati ha generato questa osservazione? 
Il titolo del libro è Formo al Sud mentre il sottotitolo recita Etnografia di un’azienda meridionale. Partirei quindi dall’oggetto di ricerca, Formamentis (d’ora in avanti Fmts), rampante gruppo meridionale, operante in almeno tre ambiti: Formazione alle imprese; Ricerca, selezione e somministrazione del personale; Mobilità internazionale; con oltre 200 dipendenti, collocati nelle diverse sedi italiane e straniere, è un gruppo che consente di guardare da vicino sia il Sud produttivo, sia le politiche nazionali messe in campo per innovare e stimolare il mondo del lavoro.

Risultati che sembrano andare in due direzioni, verso l’interno e verso l’esterno dell’impresa.
Esattamente, da un lato il metodo etnografico è una tecnica per osservare e valutare l’organizzazione aziendale, ricorrendo a una strumentazione di ricerca qualitativa, basata sulle interviste in profondità agli apicali, ai manager e ai dipendenti e che restituisce al committente un quadro di relazioni interne e di nessi funzionali molto utili al governo della propria azienda. Dall’altro, la mission di FMTS e la fase evolutiva in cui si trova consentono di comprendere quanto la questione meridionale sia una questione manageriale. O meglio, di cattiva managerialità o di sua totale assenza.

E Formamentis in che modo interpreta la propria managerialità?
Fin dall’assetto proprietario si scorge subito l’approccio plurale di FMTS che si caratterizza per la presenza di 5 soci, di cui 4 ex dipendenti, di cui una donna. La quota rosa rappresenta i 2/3 delle risorse umane e molte posizioni manageriali fulcro sono ricoperte da donne. L’azienda investe continuamente nell’aggiornamento e nella motivazione del proprio capitale umano e si interroga altrettanto intensamente sui suoi modelli organizzativi, sperimentando e adattando soluzioni e innovazioni continue. Il suo centro studi sforna a getto continuo ricerche sia ad uso interno sia finalizzate ad esplorare il mondo del lavoro. Esattamente il contrario di quello che succede nel contesto istituzionale che la circonda, caratterizzato da molte piccole imprese familistiche e padronali, tutt’altro che plurali, piene di conflitti di genere e generazionali. Per dirla in termini manageriali assenza di vision: le organizzazioni e le persone al loro interno conoscono la loro missione ma stentano a inserirla all’interno di una cornice più grande, senza riuscire a guardare lontano nel tempo e nello spazio.

Lo stile diaristico della scrittura consente al lettore di entrare e uscire dalla dimensione organizzativa senza rinunciare alle emozioni e alle tensioni che si vivono nel mondo del lavoro.
Ho riportato nel libro i passi più significativi del mio diario etnografico, completando la narrazione organizzativa con il vissuto di tutte le voci che ho incontrato in azienda e fuori, soffermandomi sulle tensioni insite nelle loro esperienze, esplorando i luoghi e i territori in cui prendono forma le loro vite. È un libro carico di pathos e di nodi manageriali, alcuni risolti brillantemente altre in cerca di soluzioni, scritto nella convinzione che in questa fase storica occorra recuperare sull’autorevolezza delle imprese, sulla loro funzione pedagogica, in termini di lettura e previsione dei cambiamenti sociali.

L’autore
Lucio Iaccarino è consulente strategico per conto di diverse società e professionisti si occupa di marketing e comunicazione, ricercatore senior autore di diverse ricerche e analisi organizzative tra le quali: Formo al Sud. Etnografia di un’azienda meridionale (ad est dell’equatore, 2018); con M. Tregua, Principi di marketing delle professioni. Strumenti modelli e strategie (Orthotes, 2017); Napoli Brand. Il valore aggiunto del territorio per l’identità aziendale (ad est dell’equatore, 2012);