Michele Affinito nuovo presidente del Comitato regionale Arbitri della Campania

137
(in foto Michele Affinito)

Nuova guida per gli arbitri della Campania. E delle scorse ore la notizia del cambio al vertice della piramide arbitrale campana: Michele Affinito è ufficialmente il nuovo Presidente Comitato Regionale Arbitri della Campania.

Affinito, appeso il fischietto al chiodo dopo aver trascorso quattro anni tra i campi di Serie C, si è subito fatto apprezzare a livello dirigenziale. Eletto Presidente della sezione di Frattamaggiore nel 2012, da subito è riuscito a farsi stimare dai Presidenti di Sezione ed è stato un modello per tutti gli associati Frattesi.

Dopo 9 anni alla guida della sua Sezione, affianca per una stagione sportiva l’ex Presidente Alberto Ramaglia come vice presidente Cra. In questo anno, Affinito riesce a coinvolgere tutti i ragazzi, diventando per loro un punto di riferimento.

Dopo quest’anno, è arrivato il salto definitivo che, siamo certi, metterà ancora più in risalto le sue doti. Caratteristiche fondamentali del sua attività sono la capacità di programmazione e lo spirito di collaborazione e comunicazione, indispensabili per un dirigente moderno che deve interfacciarsi con ragazzi dai 16 anni in su, con dirigenti di tutte le età e con gli organi di giustizia.

Affinito, nonostante l’enorme esperienza accumulata nei suoi 30 anni da associato, di cui 10 da dirigente, con i suoi 45 anni è il più giovane Presidente del Cra Campania di sempre, oltre che uno tra i più giovani Arbitri Benemeriti d’Italia. L’ultimo Associato di Frattamaggiore a ricoprire questo prestigioso ruolo fu il compianto Luigi D’Errico, ormai 35 anni fa.

In linea con il cambiamento portato dalla nuova dirigenza Nazionale con il neo Presidente Alfredo Trentalange, Affinito costituisce il nuovo che avanza, e in questa stagione potrà far valere le sue idee e i suoi ideali con un unico obiettivo: la crescita dell’intero movimento arbitrale campano.

Nel suo nuovo team di organi tecnici,che saranno prima di tutto formatori, osserviamo il giusto connubio tra esperienza e rinnovamento, con un forte focus sulla qualità tecnica e una prima enorme “rivoluzione” per la Campania Arbitrale. L’organico infatti sarà un tutt’uno tra Promozione ed Eccellenza, soluzione adottata in molte altre regioni italiane.

Con questa guida e questa squadra, i fischietti campani faranno sicuramente un grande balzo in avanti in termini di consapevolezza e qualità arbitrale.