Michigan, accoltella agente ‘Allah Akbar’: si indaga per terrorismo

43

Washington, 22 giu. (AdnKronos) – L’Fbi ha aperto una inchiesta per terrorismo in relazione all’aggressione, con un coltello, dell’agente di polizia Jeff Neville avvenuta ieri mattina all’aeroporto internazionale Bishop di Flint, nello stato americano del Michigan. Lo ha reso noto il portavoce del Bureau a Detroit, l’agente speciale David Gelios, parlando di un “incidente isolato”.

Il presunto assalitore è stato fermato ed è stato identificato come A.M.F., residente nel Quebec con doppia cittadinanza canadese e tunisina, 50 anni: era entrato legalmente negli Stati Uniti venerdì dal confine in corrispondenza del lago Champlain, nello stato di New York, e si è poi recato a Flint.

L’agente di polizia, colpito al collo, è in condizioni stabili dopo aver subito un intervento chirurgico. L’assalitore ha urlato ‘Allah Akbar’ avvicinandosi all’agente, e poi “avete ucciso persone in Siria, Iraq e Afghanistan e moriremo tutti”. E’ stato bloccato da quattro persone.