Miglior giovane imprenditore dell’anno: la Niaf premia Lorenzo Zurino (The One Company)

172
In foto, al centro, Lorenzo Zurino, premiato dalla Niaf

Lorenzo Zurino, fondatore e Ceo di The One Company, tra le prime aziende del nostro paese specializzate nella promozione delle imprese italiane sui mercati esteri con un portfolio di oltre 3 miliardi di euro, ha ricevuto dalla Niaf – National Italian American Foundation, una delle più prestigiose fondazioni d’America che rappresenta gli oltre 20 milioni di cittadini italo-americani che vivono negli Stati Uniti, il premio di miglior giovane imprenditore dell’anno. Un riconoscimento significativo perché è la prima volta che la fondazione lo assegna ad una personalità under 35 di nazionalità italiana per i successi conseguiti sul mercato americano. Il premio è stato consegnato in una serata di gala alla presenza di numerosi importanti esponenti del mondo politico, della cultura e della finanza (tra questi Gerard la Rocca, Ceo di Barclays Usa), illustri italo-americani, e circa  milla invitati provenienti dagli Stati Uniti e dall’Italia. Tra le altre personalità premiate dalla Niaf negli anni scorsi troviamo Sergio Marchionne, Santo Versace, Stefano Pessina, Sofia Loren, Vincenzo Boccia, Robert de Niro.
Lorenzo Zurino, originario di Sorrento, pur avendo alla spalle una famiglia dalla solida tradizione imprenditoriale, ha deciso di trasferirsi negli Usa a 22 anni e, dopo aver maturato una profonda esperienza nel settore della ristorazione italiana che negli Usa vale 400 milioni di dollari, ha fondato nel 2010 The One Company che ha aiutato dal 2010 alcune delle migliori realtà dell’agroalimentare italiano ad affermarsi sul mercato statunitense, attraverso adeguate strategie e politiche distributive e di marketing.
Da Acqua Minerale San Benedetto a Fattorie Osella, da Motta a D’Amico dal Il Melograno (Saclà Group), fino a Emilio Mauri e Sanguedolce, solo per citarne alcune, in meno di dieci anni The One Company è diventata un punto di riferimento per molte delle più grandi aziende italiane del settore Food, che esportano negli Stati Uniti. Oggi il fatturato complessivo delle aziende che compongono il portfolio di The One Company ammonta a 3,3 miliardi di euro.
Nel curriculum di Zurino ci sono, tra diversi incarichi, anche la direzione del dipartimento internazionale del Gruppo Vègè, una rete di imprese che comprende 33 insegne della distribuzione del settore alimentare con un fatturato di 6 miliardi di euro e un importante partnership per la gestione del portfolio aziende di Bper Banca spa – quinto Gruppo Bancario Italiano, interessate all’espansione in Usa.  Inoltre, dal mese di agosto del 2018 Zurino dirige il Dipartimento delle importazioni del Fondo Kauffman Holdings Dba che ha acquisito lo storico distributore di prodotti alimentari italiani a New York, Nastasi Foods, azienda, con oltre 40 anni di esperienza. Da quest’anno Zurino ha messo a disposizione di una prestigiosa istituzione no-profit come la Lega del Filo d’Oro, il proprio network internazionale, con la carica di Head of International Pr, per supportare lo sviluppo della Onlus negli Usa. “Sarei molto felice se la mia storia fosse d’ispirazione per tanti giovani italiani del Sud perché comprendano che in Italia e nel mondo ci sono tantissime opportunità che aspettano solo di essere colte e che, a prescindere dal talento, la determinazione e la voglia di accettare nuove sfide sono fondamentali per la propria realizzazione – ha affermato  Zurino –. Il premio Niaf è per me un traguardo di enorme valore perché è la più bella testimonianza del mio ruolo di ponte tra gli Stati Uniti e uno dei settori economici più rappresentativi del nostro paese come quello alimentare; ruolo che svolgo con passione e orgoglio per le mie radici di italiano del Sud”. “A nome della Niaf – ha dichiarato Gerard LaRocca, executive vice president of Government Relations della Niaf e managing director e chief administrative Oofficer, Americas di Barclays Capital –  sono molto lieto di annunciare il premio a Lorenzo Zurino, Ceo di The One Company, che assegneremo nel corso della nostra serata di gala del 9 aprile a New York. Lorenzo è stato un membro ai livelli più alti della Niaf fin dal 2016 e sarà l’unico premiato di nazionalità italiana. Siamo impazienti di celebrare i successi di Lorenzo nel rafforzamento dei rapporti economici tra l’Italia e gli Stati Uniti” .