Miglioramento o peggioramento?

54

A Pisa un gruppo di ragazzi ha fatto irruzione nell’istituto alberghiero Matteotti procurando moltissimi danni e appropriandosi di svariati oggetti della sede; in particolare, di una ventina di computer portatili. E tutto ciò comporterà una spesa per lo Stato di ventimila euro.

Questo atto di vandalismo viene giustificato dai ragazzi in questione come un modo per farsi sentire, per far capire al preside e ai docenti il miglioramento che vorrebbero vedere nella scuola. Giustificazione che non regge rispetto a questa devastazione.

Anche se ciò che dicono è vero, era necessario mettere in atto questo tipo di comportamento?

Oppure, ormai l’unico modo per farsi valere su qualcosa implica una specie di ‘’terrorismo’’ verbale o addirittura fisico?

Se dovessimo considerare per vera quest’ultima affermazione, probabilmente c’è bisogno di chiarire l’inutilità di questi metodi e spiegare invece l’importanza della propria voce per perseguire un obiettivo, facilmente o difficilmente irraggiungibile che sia.

L’idea di partenza dei ragazzi non è malvagia in sè considerata ma, come per tutte le cose, se si ricorre alla violenza perde di valore positivo e invece di evidenziare il vero problema (la scuola che dovrebbe migliorare) inevitabilmente sposta l’attenzione sugli strumenti sbagliati che si utilizzano.

Aver affrontato in questo modo ciò che avrebbe dovuto essere un urlo di aiuto, ha solo creato un problema più grande senza contare il danno economico arrecato.

Insomma, ci troviamo di fronte a un’idea valida trasformatasi in una cattiva interpretazione.

È vero che le generazioni di oggi sono facilmente condizionabili e facilmente perdono il prezioso senno, ma con una giusta preparazione su come si raggiunge un obiettivo si potrebbe agire con più riflessione: perché non si arriva al successo, ad un fine, utilizzando mezzi che superano i limiti consentiti. Gli obiettivi vanno conquistati in maniera etica e senza conseguenze irreparabili perché, in caso contrario, non si raggiunge un traguardo ma si finge di farlo nonostante l’impressione del contrario.

Come diceva Ghandi: ‘’Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo’’; distruggendo, in meglio non cambi niente. Puoi solo peggiorare…