Migranti, campania nel mirino: da Commissione Cie blitz a sorpesa

35

Criminalita’ organizzata e gestione dell’emergenza migranti: un legame che da Mafia Capitale potrebbe portare presto ad altre regioni. Dopo Lazio e Sicilia, anche la Campania nel mirino. E’ quanto emerge al termine dell’audizione del presidente dell’Autorita’ nazionale anticorruzione, (Anac), Raffaele Cantone, davanti alla Commissione parlamentare di inchiesta sul sistema di accoglienza, identificazione e trattenimento dei migranti. Raffaele CantoneIl sistema mafia capitale e’ esteso ad altre regioni, e’ piu’ diffuso di quanto non sia emerso“, ha detto il numero uno dell’Anac. Focus in particolare sulla regione amministrata da Enzo De Luca, che e’ gia’ sotto stretta osservazione per la gestione delle stutture che ospitano migranti, richiedenti asilo e rifugiati, in particolare per quanto riguarda i Cas, i Centri di accoglienza straordinaria, gestiti dalle cooperative. L’Ufficio di presidenza della Commissione guidata da Gennaro Migliore (Pd), subito dopo l’audizione di Cantone, ha deciso di fare proprio in Campania delle missioni ‘a sorpresa’ nei Cas, perche’ si cono “serissimi dubbi sulla compatibilita’ tra servizi richiesti e quelli erogati”. Proprio alla Campania e’ stata dedicata una parte dell’audizione del commissario Anticorruzione. Dopo la vicenda “squallida”, come lui l’ha definita, della onlus ‘Un’ala di riserva’ di Pozzuoli (Napoli), “abbiamo esteso i nostri controlli– ha detto- inviando nuclei anticorruzione a tutte le stazioni appaltanti in Campania gestite in base alla delega del Viminale. La Guardia di finanza si e’ recata in Regione Campania e sono stati acquisiti gli atti, ma non abbiamo ancora una nota conclusive sui riscontri“. Dopo aver ricordato che “il dominus della onlus” e’ “un soggetto che aveva distratto i soldi” dell’associazione “per utilizzarli investimenti personali in Montenegro e starebbe chiamando in causa, come racconta la stampa, pubblici funzionari tanto che i giornali di Napoli parlano di utleriori accertamenti su altri soggetti per atti di corruzione“, Cantone spiega che ci sono “indagini su tutte le altre onlus che hanno ricevuto appalti con lo stesso sistema“. Poi sottolinea che in Campania il settore appaltante, “e’ stato individuato nella Regione” e commenta: “Perche’ sia stata scelta la Regione come centro per la decisione degli appalti proprio non lo so“.