Migranti a Salerno, Asl: Organizzazione collaudata

50
in foto Antonio Giordano, manager del Policlinico "Vanvitelli" di Napoli

“L’organizzazione è ormai collaudata, e gli operatori chiamati ad intervenire stanno dando prova di altissima professionalità e doti umane di prim’ordine, e stanno svolgendo il compito cui siamo stati chiamati con impegno e abnegazione”. Così, in una nota, il direttore generale dell’Asl di Salerno Antonio Giordano, in merito allo sbarco dei migranti avvenuto stamattina nel Porto di Salerno. L’Asl Salerno, d’intesa con la Prefettura di Salerno, ha provveduto ad organizzare le varie attività, allertando le proprie strutture per garantire l’assistenza e le prime cure, e gli ospedali, per gli eventuali ricoveri. Predisposto il piano di accoglienza e le attività di emergenza e prima assistenza, mettendo in campo proprio personale medico ed infermieristico ed avvalendosi anche della collaborazione delle Associazioni di Volontariato, in rapporto convenzionale con l’ASL Salerno per il servizio Trasporto Infermi 118. Inoltre, sono stati messi in preallerta i pronto soccorso dei presidi ospedalieri di Sarno, Nocera Inferiore, Battipaglia ed Eboli, per eventuali ricoveri ed emergenze. L’Asl ha attivato proprie postazioni dotate di ambulanze, medici, anestesisti ed infermieri, coordinati dal Direttore della Struttura Emergenza Urgenza, Gerarda Montella, in collaborazione con Distretto di Salerno, Vincenzo D’Amato, che ha assicurato la presenza di ulteriori medici ed operatori, e che ha fornito il materiale per medicazioni e di primo trattamento (garze medicalizzate, pomate, antipiretici anche pediatrici ecc.). Le attività di sorveglianza sindromica sono state invece assicurate dal Dipartimento di Prevenzione, diretto da Domenico Della Porta. “Come in altre occasioni precedenti – ha concluso il direttore generale Antonio Giordano – l’invito della Prefettura ci trova pronti e preparati a prestare la nostra opera in maniera adeguata ed efficace”.