Milano, 19enne uccisa a coltellate: fermato un tranviere

38

Milano, 7 feb. (AdnKronos) – Omicidio a Milano. Una ragazza di 19 anni, Jessica Valentina Faoro, è stata uccisa questa mattina a coltellate in un appartamento dello stabile di via Brioschi 93. Sul posto le volanti della Questura.

Chi era Jessica

Nell’abitazione è stato trattenuto dalla polizia il proprietario, Alessandro Garlaschi, 39enne e conducente Atm, sospettato di aver ucciso la ragazza. L’uomo, a quanto emerge da ambienti giudiziari, è stato fermato per omicidio volontario. Il tranviere avrebbe fornito “parziali ammissioni” alla polizia e alla pm Cristiana Roveda che lo ha interrogato.

Tanti i dettagli che mancano per ricostruire quanto accaduto nell’appartamento al secondo piano di un grande palazzo di dipendenti Atm, a partire dal perché la giovane fosse in quell’abitazione. L’ipotesi più accreditata è che l’uomo abbia atteso che la moglie uscisse di casa per tentare un approccio con la ragazza.

Di fronte al rifiuto, il 39enne avrebbe afferrato un coltello da cucina e avrebbe colpito la 19enne più volte. Secondo alcune indiscrezioni, non confermate, avrebbe tentato di disfarsi del corpo dandogli fuoco, prima di ‘arrendersi’. “L’ho fatta grossa”, le parole che avrebbe rivolto al portinaio prima che la polizia lo fermasse.

Dopo essere stato interrogato dalla pm, il tranviere è stato portato via. Quando, scortato dai poliziotti, ha attraversato il cortile interno dello stabile, i vicini gli hanno urlato “vergognati, bastardo!”.