Ministero dell’Ambiente: Regioni, via alla Summer School sui fondi Ue

44

Una Summer School sul tema “I Fondi comunitari per l’efficienza energetica e le fonti rinnovabili: tecniche di euro progettazione” è stata organizzata dal ministero dell’Ambiente per facilitare l’accesso, da parte delle amministrazioni locali, alle risorse finanziarie previste dalla nuova programmazione europea 2014-2020. Lo rende noto il dicastero ricordando che “per raggiungere i risultati del Programma operativo interregionale (Poi) Energie rinnovabili e risparmio energetico e più in generale della Strategia europea decennale ‘Europa 2020’ per la crescita e l’occupazione, è indispensabile che sia ogni livello di governo sia gli operatori tecnici siano consapevoli della possibilità di poter attuare efficacemente la strategia sul campo“. L’obiettivo della Summer School è quindi quello di fornire ai partecipanti “un percorso specialistico” che consenta di facilitare l’accesso delle amministrazioni locali ai fondi comunitari con “l’individuazione del finanziamento più adeguato rispetto alle proprie priorità, di costruire un adeguato partenariato e di come affrontare le problematiche connesse con l’organizzazione, la gestione e la pianificazione delle attività che derivano dalla realizzazione di un progetto europeo“. Il percorso didattico, spiega il ministero dell’Ambiente in una nota, prevede attività di formazione universitaria secondo una logica di Campus, svolta da esperti di settore, nonché da rappresentanti di amministrazioni centrali e locali, garantendo altresì laboratori pratici dedicati all’analisi di best practices e alle modalità operative di presentazione di un progetto europeo. L’iniziativa è articolata in sette giornate: due a Milano – Expo (il 14 settembre e il 17 ottobre), con un approfondimento tecnico sui principali programmi di finanziamento Ue offerti dalla nuova Programmazione 2014-2020 e sui migliori interventi realizzati nell’ambito del Programma POI; cinque a Palermo presso l’Università degli Studi (dal 28 settembre al 2 ottobre), per approfondire le opportunità dei fondi strutturali 2014-2020. Il corso è rivolto ai funzionari della pubblica amministrazione delle quattro Regioni Obiettivo Convergenza – Campania, Puglia, Calabria e Sicilia – (amministratori, dirigenti, funzionari e tecnici regionali e degli enti locali) e ai ricercatori universitari e liberi professionisti di settore delle stesse Regioni. Sulla base delle effettive disponibilità, la partecipazione potrà essere estesa ai dottorandi e agli studenti universitari, secondo modalità concordate con l’ateneo ospitante.