Mobilità in Costiera Amalfitana, aziende propongono la Ztl Territoriale

34
Ora che l’alta stagione è alla fine Confindustria Salerno lancia una proposta per risolvere l’ormai insostenibile problema della viabilità in Costiera Amalfitana. “Il Gruppo Alberghi e Turismo di Confindustria Salerno – si legge in una nota – consapevole dell’importanza di preservare il nostro territorio e garantire al cittadino e al turista un ambiente vivibile e sicuro, ha sempre segnalato e richiesto con forza l’implementazione di misure atte a limitare in misura più efficace il transito dei bus adeguandolo alle caratteristiche della viabilità, rafforzando i controlli nei punti di accesso e ampliando le postazioni degli ausiliari.
Le misure stabilite dalle ordinanze, che nel tempo, hanno disciplinato la circolazione sulla SS 163 sono insufficienti a regolare il transito lungo l’unica via di accesso alla Costa d’Amalfi, nata originariamente come una sinuosa mulattiera e che si caratterizza per il tracciato ricco di curve e dalle ridotte dimensioni, con limitati spazi di manovra e interscambio soprattutto fuori dai centri abitati.
L’andamento positivo della domanda turistica e le previsioni future, rendono chiaro che è divenuto improrogabile individuare delle soluzioni finalizzate ad alleggerire i disagi dovuti al traffico e progettare interventi   strutturali ad ampio raggio in tema di trasporto e mobilità.
Le Amministrazioni Comunali hanno cercato di far fronte a questa situazione   utilizzando le proprie risorse ma hanno necessità di essere supportati in questa emergenza per garantire sul territorio la vivibilità e la sicurezza dei cittadini e dei turisti. Il problema viabilità va affrontato in maniera congiunta dal territorio e con scelte strategiche e strutturali,  e sicuramente la proposta avanzata dalla Conferenza dei Sindaci  di istituire una ZTL territoriale con varchi a Positano, Vietri, Agerola e Chiunzi va in questa direzione e va dunque sostenuta e attivata al piu presto, e siamo disponibili come Gruppo Alberghi e Turismo di Confindustria Salerno a supportare e sostenere la Conferenza dei Sindaci nell’implementazione e attivazione di questa proposta”.
Secondo gli imprenditori salernitani “l’obiettivo della ZTL è quello di regolamentare diversamente gli accessi lungo la statale 163. L’idea propone di sviluppare una sorta di zona a traffico limitato territoriale (con l’ausilio di Acamir/Regione Campania e in accordo con i proprietari delle strade: Anas, Provincia, Comuni), che controlli e blocchi gli accessi dal momento in cui si arriva a capienza. Questo permetterebbe di offrire anche una migliore informazione agli utenti. Inoltre, avendo ogni comune a disposizione un numero di stalli per il parcheggio pubblico, una volta raggiunta la capienza questa può essere comunicata all’utenza, attraverso pannelli informativi. Gli ospiti della costiera che prenotano presso strutture private, potrebbero avere appositi voucher di accesso preventivamente comunicati al gestore della ztl. La qualità del turismo e la vivibilità della Costa di Amalfi sono indissolubilmente legate a scelte decisive ed atte ad assicurare un sistema d’accoglienza di eccellenza cui aspirano istituzioni ed operatori. Infatti i singoli interventi sono poco risolutivi, è improrogabile operare delle scelte ed elaborare tutti insieme un progetto esecutivo di interventi strutturali per un modello di sviluppo integrato della Costa d’Amalfi”.