Mobilità, sfida dei treni green: 500mila posti di lavoro in più

75
(foto da Pixabay)

Il trasporto merci su rotaia e l’intermodalità fanno bene all’ambiente e contemporaneamente fanno crescere l’economia: con gli investimenti si prevedono infatti 500mila posti di lavoro in più e una crescita del Pil di 2 punti. Insomma bisognerà impiegare al meglio i circa 25 miliardi del Recovery Plan destinati al potenziamento del trasporto su ferro di passeggeri e merci. Questi gli obiettivi del Forum di Pietrarsa (Napoli) che per la sua 5 edizione, lunedi’ prossimo, dopo essere stato ospite negli ultimi due anni a Genova e Trieste, torna a ‘casa’ per lanciare una nuova sfida ai trasporti. Aprirà i lavori di questa sessione il ministro delle Infrastrutture e delle mobilita’ sostenibili, Enrico Giovannini, che proprio di recente ha ricordato come la Missione 3 del Pnrr, ‘Infrastrutture per una mobilita’ sostenibile’, preveda “investimenti sulla rete ferroviaria per 24,8 miliardi, gran parte destinati al Sud, non solo per l’alta velocità ma anche per il potenziamento delle reti regionali”. Dal Museo Ferroviario Nazionale, Assoferr, l’associazione degli operatori ferroviari e intermodali, insieme a Conftrasporto-Confcommercio, rappresentanza di sistema del mondo dei trasporti alla quale ha aderito di recente, e con Confetra, Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica, chiama cosi’ a rapporto la politica e il mondo delle aziende del settore per fare il punto sulla modalità ferroviaria, sul gap infrastrutturale e sulla grande occasione che rappresenta il Recovery, per il quale il Governo ipotizza possa avere anche un impatto di almeno 2 punti di Pil. “Le aziende – affermano i promotori dell’evento – sono chiamate a superare il provincialismo italiano sfidando l’Europa in termini di mercato unico e competitività . A Pietrarsa si farà parlare la politica che dovra’ spiegarci quanto dei ‘sogni dorati’ del Recovery Fund sara’ effettivamente realizzato e quale debito, per questo, l’Italia dovrà sostenere per ripagare negli anni gli ingenti prestiti”. “L’accessibilita’ e la mobilita’ sostenibili sono un asse portante del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, che con significativi investimenti e riforme, punta a rendere il Paese piu’ moderno, piu’ competitivo, piu’ sostenibile e piu’ resiliente” dichiara Paolo Uggè, presidente di Conftrasporto-Confcommercio. ” Questa edizione del 2021 del Forum di Pietrarsa di Assoferr avra’ tra i relatori anche rappresentanti dell’autotrasporto e del trasporto marittimo, perche’ l’integrazione e la collaborazione tra le diverse modalita’ di trasporto sono fondamentali per soddisfare la domanda di imprese e cittadini in maniera efficiente e sostenibile, perche’ – conclude Ugge’ – la sfida per una migliore accessibilita’ del Paese la si può vincere soltanto mettendo a sistema i diversi anelli della filiera”.