Moda: per knitter gomitoli arrivano online per creare collezione autunno

6

Roma, 20 set. (Labitalia) – La moda parigina anni ’60, designer del calibro di Yves Saint Laurent, Cristóbal Balenciaga, Pierre Balmain e muse come Brigitte Bardot, Françoise Hardy e Catherine Deneuve entrate nell’immaginario collettivo. Per ideare la nuova collezione autunnale, i creativi di ‘We are knitters’ – brand internazionale di moda, maglia e uncinetto, famoso per i suoi kit – hanno fatto un ideale viaggio a ritroso in uno dei luoghi più emblematici e iconici della storia della moda.

Da questa immersione creativa è nata la collezione ‘Paris je t’aime’, composta da tanti kit per la lavorazione di cardigan, maglie, cappellini, scialli e fasce per i capelli. Ogni proposta è pensata per un target dinamico, amante della moda ma anche attento all’eco-sostenibilità e alla qualità dei filati.

Tutte le informazioni più importanti e funzionali – comprese le indicazioni d’acquisto – si trovano sul sito ‘We are knitters’, al link della collezione. Tutti i kit sono caratterizzati da gomitoli di lana fine e dall’occorrente per realizzare i capi (ferri da maglia in legno di faggio, ago da lana, il pattern-guida, la label ecc). Molto ampia, inoltre, la selezione dei colori dei filati, che abbraccia una vastissima gamma di tonalità, ampliando la scelta rispetto ai tradizionali colori autunnali.

I kit ‘We are knitters’, acquistabili direttamente su www.weareknitters.it, arrivano in una busta di carta ecologica e riutilizzabile e comprendono tutto ciò che serve: i gomitoli, i ferri di legno di faggio realizzati a mano, il pattern, l’ago da lana e l’etichetta ‘We are knitters’ da applicare al prodotto finito. In caso di dubbi, tutti i knitter possono accedere ai video tutorial e ai post del blog o scrivere direttamente a ‘We are knitters’ per farsi aiutare e risolvere ogni problema.

‘We are knitters’ è un brand internazionale di moda, maglia e uncinetto, fondato da María José Marín e Alberto Bravo. Oggi conta oltre 25.000 kit venduti in 20 paesi del mondo, Italia inclusa. L’ispirazione è arrivata durante un viaggio a New York nel 2010, che ha lasciato loro un ricordo particolare e curioso: l’immagine dei giovani abitanti della Grande Mela lavorare a maglia nei bar, nei parchi e persino in metropolitana. In quella circostanza compresero che il ‘do it yourself’ (il fai da te) stava diventando l’ultima tendenza anche nelle grandi città europee come Roma, Milano, Londra e Parigi e decisero di aderire al movimento.

Il mercato italiano rappresenta il 7% delle vendite on line totali del marchio. Nel 2018, le vendite in Italia sono aumentate del 45% rispetto all’anno precedente. Il target in Italia, con il maggior numero di vendite, corrisponde a donne tra i 26 e i 45 anni, con una percentuale del 68% che vive nelle grandi città, come Torino, Milano, Roma, Bologna, Napoli.