Montella, domani delicata pure per Inter

23

(ANSA) – ROMA, 19 FEB – “Penso che quella di domani sarà una partita delicata per entrambi: noi non possiamo permetterci di perdere”. Così il tecnico della Sampdoria Vincenzo Montella alla vigilia della trasferta a San Siro contro l’Inter.
    La squadra blucerchiata, che domani raggiungerà le duemila partite in Serie A, non vince a Milano con l’Inter da 20 anni: allora fu decisivo Montella giocatore. “Feci due gol – ricorda l’ex attaccante – Fu una partita spettacolare e bellissima; ricordo anche un grandissimo Veron, ma sono passati tanti anni.
    Sarà il caso di ritornare a vincere. Anche se vincere a Milano è sempre difficile, ma è un’emozione in più”.
    Domani sarà anche la prima volta contro Eder, ceduto all’Inter a gennaio. “È un ex ormai, c’è poco da recriminare – sospira Montella – Ha fatto una scelta e sono state fatte delle valutazioni. Da parte nostra lo ringraziamo per quello che ha fatto con la Samp, ma adesso dobbiamo guardare al futuro e mi auguro che anche lui sia un pizzico emozionato nell’affrontare gli ex compagni”.
   

(ANSA) – ROMA, 19 FEB – “Penso che quella di domani sarà una partita delicata per entrambi: noi non possiamo permetterci di perdere”. Così il tecnico della Sampdoria Vincenzo Montella alla vigilia della trasferta a San Siro contro l’Inter.
    La squadra blucerchiata, che domani raggiungerà le duemila partite in Serie A, non vince a Milano con l’Inter da 20 anni: allora fu decisivo Montella giocatore. “Feci due gol – ricorda l’ex attaccante – Fu una partita spettacolare e bellissima; ricordo anche un grandissimo Veron, ma sono passati tanti anni.
    Sarà il caso di ritornare a vincere. Anche se vincere a Milano è sempre difficile, ma è un’emozione in più”.
    Domani sarà anche la prima volta contro Eder, ceduto all’Inter a gennaio. “È un ex ormai, c’è poco da recriminare – sospira Montella – Ha fatto una scelta e sono state fatte delle valutazioni. Da parte nostra lo ringraziamo per quello che ha fatto con la Samp, ma adesso dobbiamo guardare al futuro e mi auguro che anche lui sia un pizzico emozionato nell’affrontare gli ex compagni”.