Montenero, al via la prima edizione di “Corti al Mulino”

61

Si sta svolgendo in questi giorni la prima edizione di “Corti al Mulino”, rassegna cinematografica dedicata al cortometraggio indipendente, a cura di Giancarlo Giacci e Daniela Ricci dal 18 al 20 agosto. I primi due appuntamenti nelle sale dell’Asilo di Montenero a Valcocchia, mentre il terzo negli spazi all’aperto del MoMu-Molino Museo (IS).

La brevità, peculiarità insita nel genere stesso, consente di fruire in poco tempo di un numero maggiore di storie e quindi di temi che sono foriere di riflessioni e confronti, il dialogo e lo scambio sono queste le parole alla base del festival. Tra i temi dominanti trattati in questa prina edizione, sia da registi affermati che esordienti, ci saranno vicende legate all’attualità, ma anche storie universali in cui ognuno possa riconoscersi.

II 18 e il 19 è la volta dei corti “Piccole cose di valore non commensurabile” di Paolo Genovese e Luca Miniero (1999) e “Tiger Boy”di Gabriele Mainetti (2012) che affronteranno la tematica della violenza; il tema della solitudine emergerà con Io Donna di Pino Quartullo (2013) e La giornata di un uomo qualunque di Peppe Sollazzo (2007); quello dell’immigrazione con La colpa di Francesco Prisco (2012); della vecchiaia con Ogni giorno di Francesco Felli (2008), e della diversità con Omero bello di nonna di Marco Chiarini (2010), Cuore di clown di Paolo Zucca (2010) e Stella di Gabriele Salvatores (2011). Si prosegue con le proiezioni La Pagella di Alessandro Celli (2009), Luigi e Vincenzo di Giuseppe Bucci (2016), Il Premio di Ermanno Olmi (2009) e L’altra metà di Pippo Mezzapesa (2010).

Domenica 20 agosto alle ore 20.00 al MoMu-Molino Museo, il pubblico avrà l’occasione di assistere alla proiezione di Musei Senesi (1999) di Mario Franco e Come eravamo di Alberto Boniaminio e Fabrizio Fiorino (2001).

La rassegna è stata promossa dalla Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee che, dal 2013, ha avviato un programma di patrocinio, denominato “Matronato”, finalizzato al riconoscimento e promozione di progetti di alto valore culturale che attraverso l’arte siano stimolo di aggregazione, dialogo e coesione sociale e gode del patrocinio della Regione Molise, del Comune, della ProLoco di Montenero Valcocchia e del Comune di Castel di Sangro.

Durante la rassegna sarà anche presentato il Bando per partecipare alla Seconda Edizione di “Corti al Molino”: un concorso aperto a tutti, attraverso il quale saranno selezionati tre vincitori i cui cortometraggi saranno presentati nell’ambito del programma del prossimo anno.