Morì di tumore da amianto, sottufficiale Marina risarcito

29

Roma, 22 apr. (AdnKronos) – “Morì di mesotelioma, il tumore provocato dall’amianto, il sottufficiale della Marina Militare al quale è stato riconosciuto lo status di ‘Vittima del dovere'”. A darne notizia è il presidente di ‘Contramianto e altri rischi’ Onlus, Luciano Carleo.

“Una carriera da marinaio al servizio dello Stato a bordo del naviglio militare per scoprire vent’anni dopo di essere affetto dal ‘male brutto’, il tumore della pleura, che non lascia scampo e che lo ha portato via in pochi mesi – osserva -. I familiari assistiti da ‘Contramianto e altri rischi’ onlus hanno preteso che fosse riconosciuta per quella morte la correlazione tra lavoro e amianto, un diritto per una vita spezzata nel dolore. Agli eredi verrà erogato il beneficio previsto per le vittime del dovere con un riconoscimento di duecentomila euro per la morte e un vitalizio mensile di millecinquecento euro a partire dal decesso”.