Morto improvvisamente Massimo Milone, già capo della Tgr Campania e direttore di Rai Vaticano

328
in foto il giornalista Massimo Milone (Imagoeconomica)

Mondo del giornalismo in lutto per l’improvvisa scomparsa di Massimo Milone, per anni a capo della Testata giornalistica regionale della Rai e direttore di Rai Vaticano. A stroncarlo sarebbe stato un infarto. Il primo a darne notizia è il quotidiano Roma con un proprio articolo sull’edizione web. I funerali si terranno domani, mercoledì 10 maggio, alle ore 11 nella Chiesa dell’Arciconfraternita dei Pellegrini a Napoli. Alla moglie Barbara e ai figli Andrea ed Alessandro va la vicinanza e l’affetto del direttore de Il Denaro Alfonso Ruffo e dell’intera redazione.

La passione per il giornalismo e i tanti successi
Nato a Napoli il 9 ottobre del 1955, Massimo Milone è entrato giovanissimo in Rai, all’età di 24 anni, seguendo sin da subito in Campania nella veste di inviato eventi di bruciante attualità come il fenomeno delle Brigate Rosse, il rapimento dell’assessore Dc Ciro Cirillo, il terremoto dell’Irpinia del 1980 e il caso Maradona-Sinagra. Dal 2002 al 2008 è stato presidente dell’UCSI (Unione cattolica stampa italiana), subentrando ad Emilio Rossi. Nei dieci anni in cui ha ricoperto il ruolo di responsabile della Testata giornalistica campana della Rai, Milone ha, tra l’altro, lanciato il primo Tg nazionale del mattino, Buongiorno Italia.

Da direttore di Rai Vaticano ha firmato “speciali” in grado di ottenere una grande audience come “I ragazzi di papa Francesco”, in collaborazione del Tg1, andato in onda a margine del viaggio di Papa Francesco in Brasile, a Rio de Janeiro, per la Giornata Mondiale della Gioventù 2013.

In occasione della visita pastorale di Papa Francesco a Napoli, il 21 marzo 2015, ha pubblicato il volume “Napoli. Lettera a Francesco” in cui ha raccolto sedici epistole indirizzate al pontefice firmate da intellettuali, storici, scrittori e imprenditori partenopei, tra gli altri Erri De Luca, Luca de Filippo, Aldo Masullo, Andrea Ballabio, Mirella Barracco, Francesco Paolo Casavola e Giuseppe Tesauro. Con l’inizio del Giubileo straordinario della misericordia ha ideato lo speciale “Il Giubileo di Francesco”, in onda su Rai1. Ha seguito successivamente gli storici viaggi del pontefice tra Cuba, Stati Uniti e Messico.

I premi
Numerosi i riconoscimenti ottenuti in carriera. Premio Capri San Michele (sezione Giovani) nel 1999, il “Bimillenario Virgiliano”, il premio “Città di Sorrento”, il premio “Napoli Cultura e Progresso”, il premio “Cosimo Fanzago” nel 2004, il premio “Le Anfore” nel 2005, il premio “San Gennaro” nel 2009, il premio giornalistico “Orchidea” nel 2012, il premio internazionale “Capri” 2013.

Libri
Tanti i libri scritti nel corso degli anni, tra cui La notte di Bartolo (L’Isola dei Ragazzi, Napoli), Il segreto di Caterina (L’Isola dei Ragazzi, Napoli), Sulle sponde del fiume Han (L’Isola dei Ragazzi, Napoli), Pronto? Sono Francesco. Il papa e la rivoluzione comunicativa un anno dopo (Libreria Editrice Vaticana, Roma), Napoli. Lettera a Francesco (Guida Editori, Napoli), The American Pope (Libreria Editrice Vaticana, Roma).