Mostra, al Pan viaggio immaginario tra Napoli e Palermo

31

Un omaggio a Napoli e Palermo attraverso opere appositamente ideate e realizzate dal maestro Croce Taravella e dalle sue allieve, “in cui lo scenario della folla, delle strade e degli edifici della città partenopea si alterna al reticolato di vicoli e architetture incombenti della città siciliana”.
In mostra, al Pan di Napoli, “Esposizione laboratorio Palermo – Napoli andata e ritorno – Un viaggio immaginale tra i luoghi simbolo del Meridione”, dipinti graffiati su lamiera e realizzati con tecniche miste di grande impatto cromatico in grado di disvelare una traduzione visionaria dell’esprit metropolitano.
La mostra, inaugurata ieri dal sindaco Luigi de Magistris, è visitabile fino all’8 settembre negli orari di apertura del Pan (tutti i giorni dalle ore 9.30 alle ore 19.30, domenica dalle ore 9.30 alle ore 14.30).
“Ma non è una semplice esposizione: accanto alle opere finite, ci saranno quadri da completare dal vivo. Il pubblico è invitato a diventare testimone di un momento creativo di grande interesse”, spiega l’artista, che sarà accompagnato da alcune delle sue allieve, Natalie Caldonazzo, Chiara Conti, Isabella de Vivo e Daniela Tartarone, che animeranno una performance di live painting realizzando le proprie opere durante l’intero svolgimento dell’evento, consentendo così ai visitatori, di comprendere il lavoro dietro ogni quadro esposto.
L’obiettivo è realizzare un opening per l’intera durata dell’evento, tutto in diretta dalla preparazione al finissage, nel corso del quale i visitatori potranno assistere ad ogni fase della mostra, dall’allestimento, all’ideazione, progettazione, realizzazione e finalizzazione di un’opera.
“Questa preziosa opportunità permetterà al pubblico di assistere al making of e ai giorni di vita dell’artista e delle sue allieve mentre la loro opera prende corpo così da rafforzare la promozione e prolungare la risonanza della mostra”, aggiunge Taravella – Un’esperienza che rappresenta un’occasione per abbattere dei muri, un evento entusiasmante che riunisce maestro e allieve che oltre a creare le loro opere dal vivo, possono raccontarsi live al pubblico, coinvolgendolo e stimolandolo in una serie di giornate e di iniziative correlate”.
Croce Tavarella attualmente vive a Roma e opera nella Capitale e in Sicilia ma la sua arte ha un respiro cosmopolita: il legame con le diverse realtà metropolitane, europee e mondiali, è infatti una continua fonte di ispirazione per la sua riflessione artistica sulla contemporaneità.