Mostra d’Oltremare, fiere in aumento del 32% dal 2014 ad oggi

44

“La Fiera della Casa per noi è anche un momento di bilanci: dal 2014 al 2017 abbiamo un +32% di fiere in Mostra d’Oltremare, con una maggiore durata, visto che i giorni ‘venduti’ sono aumentati del 57%, e il raddoppio dei partecipanti, da 540.000 a oltre un milione, e degli espositori (+75%)”. Questi alcuni dei dati sull’andamento dell’ente fieristico partenopeo resi noti da Giuseppe Oliviero, consigliere delegato di Mostra d’Oltremare, nel corso della presentazione della 61ma edizione della Fiera della Casa. Oliviero ha ricordato che “lo scorso 6 giugno si è tenuto un importante appuntamento per l’AefiI, l’associazione degli enti fieristici, nel corso del quale sono state evidenziate le criticita’ che perdurano da anni, insieme alle significative potenzialita’ che tali manifestazioni rappresentano per l’indotto, lo sviluppo dei mercati, l’internazionalizzazione delle aziende italiane. Noi abbiamo raccolto la sfida e siamo in Champions League, perche’ siamo al quarto posto in Italia”. Dalle cifre snocciolate da Oliviero spicca il buon risultato della convegnistica con il nuovo centro congressi sfruttato appieno e che segna dal 2014 al 2017 un +33% sui congressi. Ma Oliviero sottolinea anche che “le istituzioni non aiutano il sistema fieristico. Non e’ un problema della nostra regione, ne’ locale ma nazionale. Le strutture sono spesso inadeguate per le esigenze attuali in termini di attrezzature e tecnologie, mancano sostegni alle aziende per concedere loro una vetrina internazionale, latitano gli sgravi fiscali come su Imu e Tarsu. Sono questioni che meritano piu’ attenzione da parte delle istituzioni con una strategia concreta che individui priorita’ e investimenti consistenti”.