Mostra Mercato del Tartufo, in treno storico a Bagnoli con il Touring Club Italiano

42

Si terrà sabato 20 e domenica 21 ottobre la 41a Mostra Mercato del Tartufo “Il Nero di Bagnoli Irpino”. Lo annuncia in una nota il Touring Club Italiano della Campania, della Puglia e della Basilicata, promotore dell’iniziativa in collaborazione con Fondazione FS, Comune di Bagnoli Irpino e Amodo (Alleanza della Mobilità Dolce).
“Nel week end – si legge nel comunicato – sulla linea ferroviaria Avellino / Rocchetta Sant’Antonio, voluta nella seconda metà dell’800 da Francesco De Sanctis, scrittore, critico letterario, filosofo e ministro della Pubblica Istruzione, sono previsti treni storici (carrozze degli anni ’50 “Corbellini” con locomotiva diesel d’epoca) da Benevento e Avellino per Bagnoli Irpino e treni turistici da Foggia a Bagnoli Irpino, attraversando Puglia, Basilicata e Campania, su automotrici ALn668.
Il Touring Club Italiano, in rete con numerose Istituzioni e Associazioni, da tempo è impegnato per la valorizzazione della ferrovia Avellino – Rocchetta Sant’Antonio, una linea che collega Avellino con la zone interne dell’Irpinia, toccando anche dei comuni in provincia di Potenza, fino ad arrivare alla stazione di Rocchetta Sant’Antonio – Lacedonia (una volta provincia di Avellino, poi Foggia). Inaugurata il 27 ottobre 1895, non è percorsa da treni in servizio regolare a partire dal cambio d’orario ferroviario del 12 dicembre 2010.
Le proposte per una ferrovia di collegamento trasversale attraverso le valli dei fiumi Calore, Sabato e Ofanto risalgono agli anni settanta del XIX secolo ma trovarono difficoltà ad essere accolte per tutta una serie di motivazioni, non ultime quelle di una difforme valutazione del tracciato da progettare.
Con l’approvazione della legge n. 128 / 2017, che sancisce l’istituzione di ferrovie turistiche in aree di pregio naturalistico o archeologico, in vigore dal 9 settembre 2017, la tratta ferroviaria Avellino – Rocchetta Sant’Antonio è inserita nell’elenco delle prime 18 tratte ferroviarie turistiche italiane. La ferrovia è stata recentemente dichiarata di interesse culturale ai sensi dell’art 10 comma 3 lettera d del D. Lgs 42/2004, primo esempio di tutela diretta rivolto ad un tracciato ferroviario storico del territorio nazionale.
Il Tartufo Nero di Bagnoli Irpino (nome scientifico Tuber mesentericum) è molto apprezzato per il suo inconfondibile aroma. Con il Tartufo di Bagnoli Irpino si producono formaggi tipici aromatizzati, come un pregiatissimo burro, utilizzato anche per la preparazione di crostini, per condire piatti a base di pasta, di carne o di pesce. Il Tartufo di Bagnoli Irpino viene impiegato per le preparazioni alcoliche: grappe e liquori”.