Mostra Venezia: la sosia ufficiale di Liz Taylor, festeggio 55 anni di Cleopatra

18

Roma, 29 ago. (Labitalia) – Lo studio dei personaggi famosi, ma anche i ricordi sono alla base della vita professionale dei sosia. Ne è un esempio Marina Castelnuovo, attrice, conduttrice, scrittrice, imprenditrice e celebre sosia ufficiale di Liz Taylor a livello internazionale. “In occasione della 75ma Mostra internazionale del Cinema di Venezia -dice a Labitalia- non posso non ricordare la celebrazione di 2 importantissime ricorrenze, da non scordare e da non sottovalutare, per tenere così sempre vivi i miti mondiali hollywoodiani che Liz Taylor ancora incarna”.

“Primo, i 55 anni del film Cleopatra, uno dei kolossal più costosi della storia del cinema -ricorda Marina Castelnuovo- che richiese anni di lavorazione. Girato in 4 diversi Paesi (Inghilterra, Italia, Spagna, Egitto), è vincitore di 4 premi Oscar e famoso anche per avere fatto incontrare sul set una delle coppie più celebri di Hollywood: Liz Taylor e Richard Burton”.

“E l’uscita del film -sottolinea- l’ho celebrato nella mia ‘Villa Liz’ di Varese, perfezionando una mostra permanente con rari cimeli accumulati in 25 anni per celebrare anche le nozze d’argento della mia carriera di sosia”.

“Sempre in questi giorni -continua- celebro un’altra ricorrenza legata alla diva Liz Taylor: i 60 anni dall’uscita dell’accattivante film premio Oscar ‘La gatta sul tetto che scotta’, pellicola drammatica sul tema attualissimo dell’omosessualità interpretato da Liz Taylor e Paul Newman, e tratto dall’omonimo dramma teatrale di Tennessee Williams”.

“Brindo così alla grande Liz Taylor -spiega- che mi ha permesso di entrare nel dorato mondo hollywoodiano e a essere presente sui più importanti ‘red carpets’ cinematografici da Hollywood a Cannes, da Venezia a Berlino. Mi ha anche permesso di essere la protagonista del film ‘Io & Liz’, tratto dal mio omonimo libro e realizzato dalla Tv di Stato della Svizzera Italiana (RSI LA 1) sulla sua vita vissuta in parallelo ed in simbiosi con la vita di Liz Taylor”.