Mostre: a Parigi e il made in Italy con Gio Ponti e Olivari

9

Parigi, 24 ott. (Labitalia) – Il mese di ottobre a Parigi è caratterizzato da importanti eventi nel mondo del design e la capitale francese offrie la possibilità di conoscere meglio due importanti esponenti del made in Italy: l’architetto Gio Ponti e l’azienda Olivari. La lunga carriera del maestro dell’architettura italiana Gio Ponti sarà messa in mostra in una retrospettiva di grande respiro: ‘Tutto Ponti, Gio Ponti archi-designer’, organizzata dal Musée des Arts Décoratifs, a cura di Olivier Gabet, Dominique Forest, Sophie Bouilhet-Dumas e Salvatore Licitra, in collaborazione con ‘Gio Ponti Archives’, in corso fino al 10 febbraio 2019. La mostra ripercorre la lunga carriera del maestro, dal 1921 al 1978, mettendo in luce tutti gli aspetti del suo lavoro e la sua complessa figura di architetto, di designer e di creatore eclettico, attraverso più di 500 pezzi, tra cui tre maniglie per Olivari.

Nello stesso periodo, lo Showroom di Ballauff (21 Place des Vosges), realtà storica situata nel cuore di Parigi e distributore in Francia di Olivari, ospiterà la mostra ‘Olivari, 100 anni di maniglie’. Una prima parte della mostra metterà in rilievo le maniglie realizzate dagli anni ‘30 agli anni ’70, nate dalla collaborazione con gli architetti per l’esigenza di un completamento coerente dei loro edifici. Verranno esposte le maniglie di: Marcello Piacentini, Angelo Mangiarotti, Ignazio Gardella, Studio Bbpr, Marcello Nizzoli, Sergio Asti, Franco Albini e Franca Helg, Luigi Caccia Dominioni, Vico Magistretti e Magnaghi e Terzaghi, Joe Colombo. Saranno anche presenti le tre maniglie disegnate da Gio Ponti per Olivari: Lama, Cono e Anello, del 1956, di cui verranno esposti i prototipi originali.

Nella seconda parte si racconteranno le maniglie realizzate fino ai nostri giorni, ideate dai più importanti architetti e designer internazionali, tra cui: Rem Koolhaas, Zaha Hadid, Ben Van Berkel, Jean Nouvel, Dominique Perrault, Toyo Ito, Steven Holl, Daniel Libeskind, Piero Lissoni, Rodolfo Dordoni, Patricia Urquiola, Vincent Van Duysen, che hanno voluto esprimere il loro tratto personale in una piccola ‘architettura presa per mano’ quale è la maniglia. Una mostra che permette di comprendere il rapporto speciale tra Olivari e il mondo del progetto e che mette in luce il rapporto e il legame straordinario tra l’azienda e alcuni designer internazionali e le magnifiche realizzazioni nate da questi incontri speciali.