Mostre, al Pan l’arte racconta la storia con i quadri materici di Romeo

87

“Broken flag” è il titolo della mostra che sarà inaugurata venerdì 2 marzo, e sarà visitabile fino al 13 marzo, presso il PAN, Palazzo delle arti di Napoli.
Autore delle opere esposte è Maurizio Romeo, artista ligure ma napoletano d’adozione, da più di dieci anni, infatti, attivo sul territorio campano che gli ha permesso di entrare a contatto con un mondo artistico fervido e ricco di sperimentazioni.
Le opere esposte hanno un minimo denominatore comune: esse sono, infatti, caratterizzate da una matericità esibita, espressa attraverso materiali insoliti e spesso in conflitto tra loro per caratteristiche. Tra i materiali privilegiati: sabbie, catrame, polveri di minerali, vetri, plastico, quarzo e soprattutto il poliuretano espanso sul quale inserire travi di acciaio -che in alcuni casi fungono da elemento di separazione di limitazione, in altri rappresentano un punto fermo, portante, inamovibile- e oggetti consumati dal tempo trattati con smalti e fusi con oggetti simbolo come le bandiere nazionali attraverso cui far emergere il proprio messaggio artistico. Le bandiere, infatti, simbolo delle nazioni, diventano strumento per raccontare la cronaca e gli avvenimenti che hanno caratterizzano e in molti casi sconvolto la storia contemporanea in un continuo alternarsi tra passato e presente: dalla bomba di Hiroshima all’11 settembre, alla guerra in Siri, alle grandi ondate migratorie, fino ai più recenti eventi relativa alla Brexit e alla tragedia di Rigopiano.
L’arte funge da cronaca veicolando messaggi forti attraverso oggetti per lo più poveri che contribuiscono a dare un forte impatto visivo ed a sconvolgere i sensi ed emozionare prima ancora che essere assimilati e analizzati attraverso i processi cognitivi.
L’esposizione è stata promossa dall’associazione culturale SediMenti, nata con lo scopo di promuovere la cultura, l’arte e la musica, di Maria Alessandra Masucci e Giorgio Coppola ed è organizzata in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli.