Mostre, ‘Al Vascello con Leonardo’ al Goi fino al 29 settembre a Roma

16

Roma, 19 set. (AdnKronos) – L’assemblea di Gran Loggia del Grande Oriente d’Italia (Goi) che si è tenuta nello scorso aprile a Rimini aveva come emblema il celebre Uomo Vitruviano disegnato da Leonardo da Vinci ed ora il Goi torna a rendere omaggio all’artista e scienziato fiorentino, di cui quest’anno ricorrono i 500 anni dalla morte, avvenuta ad Amboise in Francia il 2 maggio 1519. E’ allestita a Roma nella sede del Goi la mostra ‘Al vascello con Leonardo’, in collaborazione con il Mumec, il Museo dei Mezzi di Comunicazione di Arezzo, La mostra è stata inaugurata ieri sera in apertura delle celebrazioni per il XX Settembre e dell’Equinozio d’Autunno del Goi.

A tagliare il nastro il Gran Maestro Stefano Bisi e a presentare l’inizitiva il professor Fausto Casi, direttore scientifico del Mumec, che attraverso slide esemplificative ha spiegato il senso dell’esposizione, dedicata alle opere, magnifiche sculture in legno, ispirate a 60 preziosi disegni, che Leonardo eseguì per il ‘De Divina Proportione’ del frate francescano Luca Pacioli, poliedri “solidi, vacui, tagliati e stellati”. Il manoscritto, completato con i disegni di Leonardo che pure si trovava a Milano, presso la Corte Sforzesca, fu realizzato in tre copie manoscritte, delle quali sono ora reperibili solo due, una presso la Biblioteca Pubblica Universitaria di Ginevra e l’altra nella Biblioteca Ambrosiana di Milano.

Casi, nel corso della sua conferenza, ha anche illustrato la celebre vite aerea di Leonardo, che ispirerà la costruzione dell’elicottero nell’era moderna, e di cui è stata esposta una riproduzione. La mostra al Vascello, della quale il Grande Oriente ha pubblicato anche un catalogo, sarà visitabile fino al 29 settembre, eccetto domenica 22, con ingresso libero e gratuito (9,30-13 e 14-17).