Mostre, “Fame is a Bee”: alla Galleria Acappella le opere di Tatiana Defraine

38

di Maria Carla Tartarone Realfonzo

La Galleria Acappella, nel suo sito di via Cappella Vecchia, a Napoli, ci mostra le opere di un’artista francese, Tatiana Defraine, nata a Libourne nel 1956, che ha esposto in Francia a Bordeaux, poi a Marsiglia e in Italia a Palermo. Si tratta di una serie di immagini femminili che riempiono le pareti della sala, attraendo lo spettatore. La mostra, presentata da un interessante commento della curatrice Sonia D’Alto, al contrario della recente mostra esposta a Palermo, che presentava anche figure intere, in movimento, è costituita da piccole immagini, ritratti da guardare con attenzione, perché ciascuno raffigura un personaggio, seppure rappresentato con ironia. Scrive la D’Alto che i volti, rappresentati dalla pittrice, “ non hanno bisogno di essere visti, di dare spettacolo. Hanno bisogno di guardarsi. Egoiste e generose”. Sono immagini piccole, create nella dimensione di mattonelle, ma sono tele dipinte con colori ad olio ed anche con materiali talora sovrapposti, a seconda del risultato ricercato, dell’espressività voluta. I fiori accompagnano talvolta i volti femminili dai grandi occhi espressivi, divenendone talora gli stessi occhi. La figura femminile è l’ unica protagonista del mondo de la Defraine, un mondo libero, vivace e ribelle. Le pareti della Galleria sono ricoperte dalle piccole immagini, come cartoline che non si smetterebbe di sfogliare.