Mostre, Mattarella e Fico a Capodimonte per Caravaggio. E tappa anche al Rione Sanità

33

E’ arrivato a Napoli anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella per visitare al museo di Capodimonte la mostra su Caravaggio appena inaugurata. L’esposizione aperta fino al prossimo 14 luglio mette in luce, nel vero senso della parola, sei opere di Michelangelo Merisi provenienti da istituzioni italiane e internazionali che vengono messe a confronto con 22 quadri di artisti che lavorarono a Napoli e che registrarono subito la novità caravaggesca, venendone travolti, con soggetti ricorrenti nei dipinti del Maestro.
Accompagnato dal presidente della Camera, Roberto Fico, il capo dello Stato ha fatto tappa anche al rione Sanità per un incontro con le scolaresche e la visita delle Catacombe di San Gennaro e di San Gaudioso. “Per Napoli è una grandissima giornata”, ha commentato Fico all’arrivo. Applausi e saluti calorosi da parte delle centinaia di persone che si sono assiepate lungo il percorso in attesa di Mattarella, che ha stretto la mano ad alcuni cittadini.
Sono state le due Flagellazioni i dipinti di Caravaggio che hanno maggiormente catturato l’attenzione del presidente della Repubblica. A riferirlo sono stati, al termine della visita, il direttore del museo, Sylvain Bellenger, e la curatrice della mostra, Maria Cristina Terzaghi. “Le due Flagellazioni lo hanno colpito tantissimo – ha detto Terzaghi – ma in generale il presidente è stato entusiasta della mostra, molto interessato anche ai dettagli tecnici dei dipinti e alla loro storia. E’ un appassionato di Caravaggio”.
La mostra, promossa dal Museo e Real Bosco di Capodimonte, con la produzione e organizzazione della casa editrice Electa, e curata da Maria Cristina Terzaghi e Sylvain Bellenger, propone un allestimento molto suggestivo con stanze del tutto buie, con illuminazione solo sui quadri. Una esperienza caravaggesca, come è stata definita dallo stesso direttore.
Bellenger ha riferito che la visita di oggi è in qualche modo “un record” per il Museo perché “per la prima volta nella storia di Capodimonte le sale hanno accolto insieme il Capo dello Stato e il presidente della Camera”. La visita di Mattarella è stata “privata” e il presidente – a quanto spiegato – ha voluto invitare il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, e il prefetto, Carmela Pagano. Una volta andate via le autorità, le sale sono state aperte al pubblico. “Il Presidente – ha detto Bellenger – ha ascoltato con grandissima attenzione, ha definito la mostra importante ed ha sottolineato l’importanza di far conoscere questi tesori che sono a livello del Cristo Velato ed ha evidenziato che Napoli dovrebbe sempre essere associata a Caravaggio”. A quanto riportato, il Capo dello Stato è rimasto colpito anche dalla innovativa tecnologia impiegata nella mostra del Caravaggio.
“Ho visto il presidente Mattarella davvero catturato da questa mostra stupenda, bellissima e allestita in modo meraviglioso. Noi siamo onorati e orgogliosi che il presidente ancora una volta abbia scelto Napoli in questo momento così importante per la città” ha commentato il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, lasciando il Museo di Capodimonte. “Questa visita con il Presidente della Reoubblica e il presidente della Camera – ha aggiunto il sindaco – è un bel segnale autorevole e di grande rispetto per la città e per quello che si sta mettendo in campo ogni giorno con la passione, la competenza e l’entusiasmo della grande maggioranza dei napoletani”.