Mostre, sognante e colorato: all’Hde il Vietnam di Mattotti

81
Dopo cinque anni di assenza, Lorenzo Mattotti, uno tra i più celebri ed emozionali illustratori italiani, torna ad esporre a Napoli. Negli spazi della Galleria Hde, in collaborazione con Scuola Italiana di Comix, Sabato 5 Marzo sarà presentato Vietnam, progetto iconografico che esplora e racconta per immagini il viaggio compiuto dall’artista da Hanoi fino al delta del Mekong. La mostra ospiterà parte dei 120 disegni raccolti  e pubblicati per la Collezione Louis Vuitton Travel Book nel 2014.

L’esposizione presenta, così, una delle produzioni più esaustive e dirette del lavoro dell’artista, autore di numerosi volumi di successo (tra cui ricordiamo Fuochi, Stanza o The Raven, tratto dai testi di Lou Reed ed ispirato al classico di E.A. Poe) e diverse collaborazioni con riviste quali The New Yorker, Glamour, Le Monde, Vanity Fair. Punto focale è il Vietnam, ma un Vietnam ben diverso da quello che potremmo immaginare o che ci rimbalza stereotipato da cinema e tv. Come racconta lo stesso illustratore,  in un mini documentario prodotto e presentato dalla Maison francese proprio in promozione del Travel Book: “Hanoi è una città molto rumorosa. E’ piena di motociclette e c’è movimento ovunque. Le abitazioni hanno forme attraenti: assai strette e bizzarre. Alcune hanno pavimenti chiusi con delle grate che le fanno sembrare gabbie per uccelli..non ho mai visto nulla del genere altrove“.

E in effetti nelle illustrazioni di ispirazione vietnamita a venir fuori è proprio l’originalità di una visione fresca, stridente eppur rigorosa. Agli ampi spazi verdi, ingombri di vegetazione, ai roccioni solitari sul mare, alle sterminate risaie, si alternano strade caotiche e costruzioni quasi inverosimili. Ed anche la tecnica e i materiali scelti sembrano partecipare al racconto di un Vietnam contraddittorio. Alcuni disegni di Mattotti strabordano colore, quasi come a non contenerlo, altri esplodono di linee scure, mentre altri ancora sono leggeri, con quelle note cromatiche dall’impronta inconfondibile. 

Se c’è una cosa, infatti, che non sfugge di un disegno di Mattotti è quel suo “colorar forte” sul foglio, come colorano i bambini. E’ qualcosa da un impatto emotivo disarmante, soprattutto se ingabbiato in una struttura compositiva puntuale che sfina i corpi fino a renderli fluidi, quasi astratti.

La soddisfazione è quella che arriva quando riesci a disegnare ciò che stai vivendo: scoprire, ogni volta, ciò che senti attraverso il tuo taccuino” spiega l’illustratore, e continua “alla fine ho realizzato che ciò che realmente mi interessa è mescolare assieme le cose e raccontar storie da un punto di vista interno così come da un punto di vista esterno“. Ed è quella l’impressione guardando i disegni di “Vietnam”, di conoscere posti e luoghi lontani, attraverso lo sguardo e le mani di un artista. E’, il racconto di Mattotti, il racconto di una realtà così tangibile che non sembra nemmeno esistere, che sembra scivolar via nel caotico traffico di Hanoi.

La mostra si concluderà Sabato 16 Aprile 2016. Per conoscere il lavoro di Lorenzo Mattotti potete consultare: http://lorenzomattotti.blogspot.it/