Mostre, un’esposizione per raccontare la vera storia degli antibiotici

28

”…Adda passà ‘a nuttata” è la celebre frase della ‘Napoli Milionaria’ di Eduardo De Filippo e dà il titolo alla mostra sulla vera storia degli antibiotici che sarà inaugurata oggi alle 17.00 nell’aula Tecce accanto alla porta degli Incurabili di via Luciano Armanni nella sala di Anatomia Patologica del prof. Moscati, a pochi passi dal luogo nel quale Vincenzo Tiberio scoprì per primo la penicillina. L’iniziativa rientra nell’ambito della dodicesima edizione del Napoli Teatro Festival Italia, realizzata con il sostegno della Regione Campania e organizzata dalla Fondazione Campania dei Festival. Il percorso espositivo, curato da Carmen Caccioppoli, è un omaggio a Vincenzo Tiberio che, ben prima di Fleming, nel 1895 scoprì la penicillina, il cui potere antibiotico rivoluzionò la terapia farmacologica delle patologie infettive e intorno al quale ruota una delle scene più emblematiche della ‘Napoli Milionaria’ scritta da Eduardo nel 1945, al termine della seconda guerra mondiale, nella quale la piccola Rituccia figlia di Gennarino (impersonato da Eduardo) afflitta da febbre forte ha bisogno di un farmaco salvavita. In mostra saranno esposti vetrini con le muffe e quelli con batteri degli inizi del XIX e XX sec., microscopi d’epoca, alcune pubblicazioni d’epoca come le ricerche di Vincenzo Tiberio ‘Sugli estratti di alcune muffe’. E inoltre, i diari con le sue annotazioni, un erogatore a spruzzo di acido carbolico Antisepsi secondo Lister o pentola di Lister. La mostra sarà visitabile fino al 14 luglio. All’inaugurazione interverranno anche l’ing. Ciro Verdoliva commissario straordinario dell’Asl Napoli 1 Centro e la prof. Anna Zuppa Covelli discendente dello scienziato Vincenzo Tiberio.