Msc Divina, prima volta a Napoli

52

La nave Msc Divina fa il suo primo scalo a Napoli il 15 maggio e per l’occasione la compagnia organizza una cerimonia alla quale partecipano tutte le principali autorità dello La nave Msc Divina fa il suo primo scalo a Napoli il 15 maggio e per l’occasione la compagnia organizza una cerimonia alla quale partecipano tutte le principali autorità dello scalo. La “Divina” è dedicata dall’armatore Gianluigi Aponte alla diva del cinema Sophia Loren. All’interno della nave c’è anche una suite con immagini della celebre attrice.


Buonacausa.org. Parola d’ordine “disintermediazione”, vale a dire nessuna percentuale per chi mette insieme chi vuol sostenere un progetto e chi lo propone. Soprattutto se il progetto è una “buona causa”. È questo lo scopo di Buonacausa.org che, grazie alla nuova partnership con il gruppo di imprese sociali Gesco, sostiene la realizzazione di progetti sociali di persone e organizzazioni con lo strumento del crowdfunding, il finanziamento collettivo. “È una piattaforma a costo zero – spiega Federico Lauria, uno degli ideatori della piattaforma – e con l’idea di creare una community di persone interessate a condividere le cause. Siamo partiti nel 2011, registrando più di 15mila donazioni, con circa 450 cause finanziate di cui un’ottantina ha pienamente raggiunto l’obiettivo. È un fenomeno in crescita”.


Caffè Kenon. L’azienda napoletana promuove la nona edizione di “Pimp Your Camp”, il concorso creativo per l’ideazione grafica dei decori della tazzina e del piattino Caffè Kenon, collezione 2016. L’autore dell’opera vincitrice riceverà un premio in denaro del valore di mille euro. Il concorso è in collaborazione con l’agenzia S+Ph.


Meridiana. La compagnia aerea celebra il primo anno del programma fedeltà denominato “Meridiana Club”. Appuntamento fissato per il 20 maggio alle ore 19.30 presso Castel dell’Ovo a Napoli.


Porto di Salerno. Entra in attività venerdì 15 maggio il polo crocieristico di Salerno, allestito presso il Molo Manfredi. L’opera è stata realizzata dall’Autoritò Portuale di Salerno con un investimento di 11 milioni di euro. Prossimo obiettivo? “L’elettrificazione delle banchine – dice Andrea Annunziata, presidente dell’Authority – così le navi potranno alimentarsi senza dover tenere i motori accesi”.