Msc, “prima” a Napoli per la Seaview: porterà in città 167.000 crocieristi nei 38 scali estivi

80

di Paola Ciaramella

Un design innovativo che avvicina gli ospiti al mare come mai avvenuto finora, 2066 cabine per accogliere più di 5300 persone, una stazza di oltre 153mila tonnellate e una lunghezza di 323 metri che ne fanno la nave più grande mai progettata e costruita in Italia. Msc Crociere presenta Msc Seaview, la 15esima nave della sua flotta, costruita nel cantiere navale Fincantieri di Monfalcone, come la gemella Msc Seaside, consegnata a novembre scorso e posizionata a Miami per crociere nei Caraibi. La nuova ammiraglia è stata salutata l’11 giugno a Napoli dai rappresentanti delle istituzioni locali, invitati a bordo per la cerimonia dello scambio crest con il comandante Pier Paolo Scala, in occasione dello scalo inaugurale nella città partenopea. Approderà nel capoluogo campano ogni lunedì fino al prossimo 12 novembre, nel corso di un itinerario di 8 giorni e 7 notti nel Mediterraneo, che toccherà tre città della Penisola – oltre a Napoli anche Genova e Messina –, La Valletta (Malta), Barcellona (Spagna) e Marsiglia (Francia); a metà novembre salperà invece per il Brasile, durante l’estate nell’emisfero sud. Realizzata con un investimento di 800 milioni di euro, con un picco di impiego di 10mila maestranze specializzate, Msc Seaview è stata concepita per “essere vissuta all’esterno – spiega Leonardo Massa, Country Manager Italia di Msc Crociere –, offrendo un’esperienza di vacanza completamente nuova rispetto al passato. Io amo definirla la nave cabrio”. È dotata, infatti, di “un numero di grandi spazi all’aperto record e di una promenade esterna che la abbraccia per intero”, di ascensori panoramici, di una passerella in vetro che dà la sensazione di camminare direttamente sull’acqua e di un percorso, anch’esso in vetro, dove passeggiare sospesi a 40 metri sul mare. “All’interno è una nave ricca di contenuti”, con bar e sale lounge, ristoranti tematici, “un cinema 4D, un teatro da oltre 900 posti, una spa di 3000 mq e un’area ragazzi di 650 mq con animazioni differenziate, segmentate per 5 diverse fasce d’età”. E, ancora, con lo “Yacht Club, un concept di ‘nave nella nave’ che abbiamo sviluppato qui a Napoli nel 2008: in questo caso abbiamo 86 suite con un servizio unico e personalizzato, concierge dedicato, un ristorante e un’area esterna riservati”. Msc Seaview è la terza nave della compagnia varata negli ultimi 12 mesi, nell’ambito di un piano globale di investimenti da 10,5 miliardi di euro: “Hanno già visto la luce tre navi di questo programma, nel 2017 Msc Meraviglia e Msc Seaside e nel 2018 Msc Seaview, mentre nel 2019 arriveranno Msc Bellissima, a marzo, e Msc Grandiosa, a novembre. Dal 2019 al 2026 avremo ogni anno una nuova nave. Ciò permetterà alla flotta, oggi composta da 15 unità, di arrivare fino a 24 unità, con un incremento vertiginoso dei posti letto – aggiunge Massa –. Nel 2003 la nostra azienda ha accolto a bordo delle proprie navi 127mila ospiti, nel 2017 poco meno di due milioni; nel 2026, a completamento del piano industriale, sfioreremo i 5 milioni”. Un settore, quello crocieristico, che non conosce crisi e che “vede investimenti importanti da parte di tutti i maggiori player fino al 2026, con Msc Crociere che rappresenta il 25% di tutte le costruzioni a livello mondiale”. In particolare, considerando la costruzione di Msc Seaview e della gemella Msc Seaside, insieme alle due navi già ordinate a Fincantieri, della classe Seaside Evo, che arriveranno nel 2021 e nel 2023, gli investimenti della compagnia nella sola cantieristica in Italia superano i 3,5 miliardi di euro, con una ricaduta economica complessiva sul territorio stimabile in circa 10 miliardi. Riguardo all’impatto dei crocieristi sulle località di scalo, “da uno studio della Ca’ Foscari di Venezia è emerso che quello diretto, senza calcolare l’indiretto, è di circa 100 euro al giorno. Noi quest’anno con l’arrivo di Msc Seaview a giugno movimenteremo su Napoli poco meno di 170mila ospiti”.

GUARDA LA NOSTRA FOTOGALLERY