Muove, arriva da Caserta la piattaforma di marketing che trasforma i contatti in clienti

127

di Paola Ciaramella

Una piattaforma di marketing automation che consente alle aziende di trasformare i contatti in nuovi potenziali clienti e successivamente in clienti fidelizzati, attraverso flussi di comunicazione personalizzata. Si chiama Muove ed è nata a settembre scorso a Caserta, ideata e realizzata dall’omonima startup formata da un team di cinque professionisti: Gennaro Canistro (amministratore), Paolo Finizio (responsabile marketing), Francesco Buonocore (responsabile IT), Giovanna Di Lauro (visual designer) e Federica Esposito (data analyst). Il nome “è associato al concetto di marketing digitale che è sempre in evoluzione – spiega Paolo Finizio a IlDenaro.it – e richiama anche la volontà di creare movimento per le imprese che si avvicinano a noi”. Presentata all’ultima edizione di Smau Napoli, a dicembre, Muove racchiude tutti gli strumenti che andrebbero acquistati singolarmente da vari fornitori: “Le aziende che hanno a disposizione un database di indirizzi email o di numeri di cellulare, e vogliono raggiungere questa banca dati con newsletter, landing page o sms marketing, possono iscriversi alla nostra piattaforma e attivare una serie di strumenti che permettono di creare dei veri e propri percorsi di marketing. Si può partire, per esempio, dall’invio di una newsletter, che dà un’anteprima dei servizi e dei prodotti offerti, e inserire un link che fa atterrare all’interno di una landing page creata nella stessa piattaforma. La landing page – aggiunge Finizio – è un sito one page, di un’unica pagina, in cui si entra nel dettaglio dell’offerta, con la possibilità di compilare un modulo o acquistare direttamente il prodotto; viene utilizzata come strumento pubblicitario perché mira a cogliere nell’immediato l’intenzione dell’utente mediante una Call to action”. Muove consente di gestire e prevedere ogni azione di un contatto, in modo da inviargli contenuti profilati: “Grazie a un sistema di statistica avanzato la piattaforma si accorge automaticamente se un utente clicca o non clicca sul link presente nella newsletter; di conseguenza, si può decidere di inviare, a tutti coloro che non hanno cliccato sul link oppure non hanno visualizzato l’email, un sms con lo stesso contenuto, in modo tale da raggiungere comunque la banca dati nella sua totalità. E da qui, a cascata, realizzare una serie di percorsi a seconda del comportamento del singolo utente, proponendo man mano diversi contenuti in base al suo modo di interagire”. Lo scopo è capire chi è realmente interessato ai prodotti e servizi proposti, “in modo da tirare fuori i cosiddetti lead, i contatti che possono essere trasformati in clienti potenziali, su cui fare delle azioni di vendita mirate”. Le aziende stanno già mostrando notevole interesse per questa novità: “Stiamo attivando vari account nella piattaforma, che funziona con pacchetti mensili da scegliere in base alle soglie di email o sms che si desidera inviare”. I benefici sono molteplici: si va dal risparmio di tempo all’ottimizzazione delle risorse umane, in particolare del reparto marketing, fino al vantaggio di elaborare “campagne di vendita mirate e segmentate per una tipologia di cliente che interagisce con i contenuti”.