Musei, Angela Tecce si insedia alla presidenza della fondazione Donnaregina: Un Covid Vaccine Center al Madre

52

“Ringrazio il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, e i suoi più stretti collaboratori per avermi affidato l’incarico di presidente della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, istituzione la cui attività ho seguito da sempre con attenzione e stima. Questa nomina si inscrive nell’ambito di un percorso personale e professionale a cui ho dedicato la mia competenza e le mie energie, prima in qualità di funzionario storico dell’arte e, successivamente, dirigente dell’attuale ministero della Cultura”. Così Angela Tecce che in occasione del suo insediamento alla presidenza della Fondazione Donnaregina intende manifestare “il suo orgoglio” per il ruolo chiamato a svolgere nei prossimi anni presso la prestigiosa istituzione regionale.

“La nomina – continua – giunge in un clima di difficoltà generalizzata: in questi mesi abbiamo dovuto misurarci con il lato oscuro dell’esistenza e ritrovare la luce della cultura; i luoghi legati agli eventi artistici e culturali come i musei, le fondazioni, oltre che i teatri e i cinema, sono stati tra le istituzioni più colpite. Anche il museo Madre non sfugge alla stessa triste sorte e per questo, insieme al presidente De Luca, abbiamo voluto presentare la mia nomina evitando occasioni di potenziale contagio e scegliendo di diffondere un comunicato stampa per condividere con i giornali, le riviste e gli altri media, il comune intento di gettare le basi del lavoro che ci apprestiamo a intraprendere, in un clima di reciproca fiducia, indispensabile per avviare nuovi progetti in questa delicata fase”. Tra le azioni più urgenti da attuare e nel rispetto dell’impegno già assunto dalla precedente gestione c’è l’ospitare un Covid Vaccine Center al Madre.

“A tutti i vaccinati – spiega Tecce – offriremo la possibilità di partecipare alle nostre visite guidate e conoscere, o ritrovare, le opere della nostra collezione. Insieme alla direttrice artistica Kathryn Weir, continueremo ad offrire iniziative in modalità virtuale per coinvolgere il nostro pubblico perché continui a sostenerci e, al tempo stesso, lavoreremo per proporre una rimodulazione della programmazione espositiva, avvalendoci del sostegno del consiglio d’Amministrazione appena nominato – composto dall’imprenditrice Maria Letizia Magaldi, già parte del precedente CdA, e dal critico d’arte Achille Bonito Oliva, figura di caratura internazionale – e dell’apporto del Comitato Scientifico in carica”. La neo presidente della Fondazione ringrazia l’uscente Laura Valente “per aver svolto il suo compito in un momento critico, rinforzando il rapporto del museo Madre col territorio ed esaltandone la vocazione etica”.

Tecce evidenzia infine la necessità di collaborare con tutti gli organismi regionali, le istituzioni pubbliche e private e le fondazioni, campane, nazionali e internazionali, “per tenere alto il prestigio della nostra cultura contemporanea, attraverso tutte le sinergie che si potranno mettere in campo”. Accanto all’attività istituzionale, la presidente si propone di rivitalizzare gli elementi distintivi della Fondazione: la ricerca, lo studio e l’apertura verso i linguaggi dell’arte contemporanea più aggiornati affinché siano parte attiva della realtà museale.