Museo di Paestum, al via la conferenza internazionale “The tomb of the driver”

17

Questa mattina, presso il Museo di Paestum, nel salernitano, ha preso il via la conferenza internazionale “The Tomb of the diver – Ritual, art and poetry in Paestum and the Mediterranean 500 b.C.”. I lavori si concluderanno sabato 6 ottobre. Nel corso del convegno, si discuterà della celeberrima tomba del Tuffatore e, più in generale, del rito, dell’arte e della poesia a Paestum e nel Mediterraneo intorno al 500 a.C. Il convegno rappresenta un momento di confronto a conclusione della mostra “L’immagine invisibile. La Tomba del tuffatore”, in esposizione al museo di Paestum fino al 7 ottobre. Ad aprire i lavori questa mattina è stato Gabriel Zuchtriegel, direttore del Parco Archeologico di Paestum, insieme Angelo Meriani, presidente di Moisa Society e professore di lingua e letteratura greca presso l’Università degli Studi di Salerno. A seguire, il contributo di archeologi e filologi provenienti dalle più prestigiose Università del mondo che si confronteranno sulla tomba pestana.
Il convegno, patrocinato dal Mibac, dai dipartimenti di Scienze del Patrimonio culturale e di Studi umanistici dell’Università degli Studi di Salerno e da Moisa Society, si propone di aprire nuove prospettive per gli studi sull’antropologia della morte e sull’iconografia antica. “50 anni dopo la scoperta, vogliamo ricomporre la visione ampia e complessiva che Mario Napoli ne diede nella sua pubblicazione della tomba – ha dichiarato il direttore Zuchtriegel – Il convegno è anche un omaggio a lui, con il tentativo di aggiornare la lettura della tomba in base a nuovi dati e approcci che si sono aggiunti negli ultimi decenni”.