Museo Plart, dal 2 dicembre la mostra “La scrittura democratica” di Pellegrino

13
in foto il progetto di Ettore Sottsass, macchina da scrivere Olivetti Valentine, 1968, ABS e altri materiali

Un’Olivetti Valentine, macchina da scrivere nata nel 1968 dal progetto di Ettore Sottsass, è la protagonista dello “scriptorium” dove, su mobili e scrivanie d’epoca, sembrano aver appena battuto numeri e doppiato parole un addizionatrice e una copiatrice americana per fatture risalenti agli anni Trenta. Statunitense è anche il porta biglietti da tavolo, mentre è inglese il calamaio: entrambi prodotti negli anni Quaranta. Nel settecentesimo anniversario della morte del Sommo Poeta, campeggia sulla parete il manifesto disegnato nel 1912 da Teodoro Wolf Ferrari e sul quale l’immagine di Dante Alighieri promuove il primo modello Olivetti di macchina per scrivere standard, la M1, progettata da Camillo Olivetti. Questo lo scenario della mostra “La scrittura democratica” a cura di Carmen Pellegrino, che si inaugura giovedì 2 dicembre al Museo Plart con un’apertura a orario continuato dalle 10.30 alle 20.30.
“È mia opinione – spiega la Pellegrino – che i manufatti custoditi in un museo, anche se evidentemente fermi e non più soggetti al vasto divenire, vivano di vita propria». La scrittrice e storica campana, finalista al Premio Campiello 2021 con il romanzo “La felicità degli altri”, è la testimonial del video – per la regia di Pasquale Napolitano – in cui racconta l’anima e la vita degli oggetti esposti. Perché, come sostiene, «nello spazio, oltre lo spazio, di un museo che le salva dal tempo e dall’oblio, le cose congiungono il visibile all’invisibile. Diventano miniature d’eternità…”.
L’esposizione conclude il programma “Novecento, così lontano, così vicino”. “Io e i miei collaboratori – spiega Maria Pia Incutti, presidente della Fondazione Plart – sentivamo la necessità di un cambiamento e abbiamo cominciato a lavorare a “Novecento: così lontano, così vicino”. Un prisma di sguardi che dall’esterno proiettano una luce nuova sulla Collezione Plart: questo è il senso del progetto nato durante la pandemia e che poi si è tradotto in un ciclo di mostre fruibili anche off line sullo sfondo di una rimodulazione degli spazi museali e dei criteri espositivi”.
Il nuovo corso del Plart ha preso il via ad aprile con “Plastic… Free Kitchen”, mostra in formato video a cura di Claudio Gambardella ambientata in una cucina vera ricostruita nelle sale del museo nella sua meravigliosa e fedele autenticità, con arredi ed elettrodomestici pastello che ci riportano nei favolosi anni Sessanta. A settembre è stata poi la volta della mostra “Beffandomi così anche dell’infinito” a cura di Carlo Morelli,con un video che ha omaggiato la figura di Enrico Caruso nel centenario dalla sua scomparsa e con l’allestimento di una sala dedicata al tema della plastica come memoria storica della musica.