Musica tra digitalizzazione e sostenibilità: call europea da 2,5 milioni di euro

111

Pubblicato il nuovo bando “Innovative support scheme for a sustainable music ecosystem” che punta a sostenere la ripresa del settore musicale europeo dopo la crisi e l’adattamento alle nuove tendenze emergenti.

Il bando è pubblicato nell’ambito dell’Azione Preparatoria Music Moves Europe: Boosting European music diversity and talent e affronta tre temi. Il primo è la ripresa Green, con l’obiettivo di aumentare la sostenibilità ambientale e la consapevolezza ecologica del settore, in particolare per quanto riguarda i festival e i tour, e sostenere le startup innovative impegnate a diminuire l’impatto ambientale dei sistemi online di archiviazione dati online e distribuzione musicale. Il secondo è la Ripresa digitale per adattarsi ai nuovi trend del consumo, della distribuzione e della promozione della musica e sviluppare modelli di business sostenibili che garantiscano la monetizzazione e la remunerazione degli artisti; sviluppare prodotti e servizi basati sulle tecnologie e le capacità degli artisti per renderli più competitivi e resilienti in un mercato sempre più tecnologico. Infine la Ripresa equa e resiliente con l’obiettivo di: promuovere il ruolo della musica come forza coesiva per contribuire alla solidarietà, alla cittadinanza attiva e alla coesione sociale. Questo implica una maggiore partecipazione comunitaria ai locali di musica, migliore accesso alla musica in termini di educazione e consumo con attenzione rivolta ai gruppi svantaggiati, una più equa retribuzione degli artisti e maggiore uguaglianza di genere.

Il budget complessivo messo a disposizione dal bando è pari a 2.5 milioni di euro, con cui verrà finanziata una proposta al 90% dei costi totali ammissibili.

L’invito è rivolto a enti pubblici e privati, profit e no-profit con sede negli Stati membri dell’Ue e nei paesi terzi partecipanti a Europa Creativa. La scadenza per la presentazione delle domande è il 15 settembre 2020.